In Italia si stima che più di 150mila persone ogni anno si ammalino di Herpes Zoster, il virus responsabile della varicella, causa di forti dolori noti anche come “Fuoco di Sant’Antonio“. Il rischio aumenta con l’età, i due terzi dei casi si concentrano infatti sopra i 50 anni. Più di una persona su tre rischia di sviluppare l’infezione nel corso della vita, una persona su due sopra gli 85 anni.

L’infezione provoca la formazione di arrossamenti e bolle che si localizzano spesso su un lato del corpo, seguendo il percorso di un nervo. Dopo che le lesioni cutanee si sono risolte, in circa il 30% dei casi purtroppo i pazienti vanno incontro a nevralgia post-erpetica, che induce un dolore che può permanere anche più di tre mesi.

L’unica cura finora disponibile era quella dei farmaci antivirali (per esempio aciclovir, valaciclovir, brivudina conosciuti con i nomi commerciali di Zovirax®, Zelitrex®, Talavir®, Brivirac®), efficaci solo se iniziati entro 72 ore dalla comparsa del problema, ma a breve dovrebbe essere registrato anche in Italia il primo vaccino specifico, già disponibile negli USA ed autorizzato dall’Agenzia Europea del Farmaco. Calcolando che il 95% delle persone ha avuto durante la vita la varicella e che risulta quindi esposto al rischio di Herpes Zoster, vaccinarsi equivale a rafforzare il sistema immunitario e a scongiurarne l’insorgenza con tutte le sue dolorose conseguenze.

Nel Piano nazionale di prevenzione vaccinale del Ministero della Salute tra le vaccinazioni rilevanti per gli anziani, oltre all’anti-influenzale, quella contro l’Herpes Zoster è fortemente raccomandata.

Pertanto è oggi disponibile gratuitamente in Italia per i soggetti che hanno compiuto i 65 anni di età o per i soggetti di età inferiore considerati a rischio. Il vaccino si fa per via sottocutanea o intramuscolare e ha il vantaggio di essere somministrato in un’unica dose, con l’effetto di rafforzare l’immunità naturale contro il virus e controllarne la riattivazione.  La sua efficacia nel prevenire la comparsa di Herpes Zoster si attesta attorno al 70% e tende a diminuire con l’avanzare dell’età, tuttavia rimane elevata nel prevenire la principale complicanza dell’Herpes Zoster, la nevralgia post-erpetica.

Bibliografia: www.lastampa.it – www.farmacoecura.it – www.secoloditalia.it – www.meteoweb.eu


        – Farmacia 3.0 – Rubrica a cura del dott. Alberto Di Muria                      

Un commento

  1. MAINA TRANQUILLA says:

    Purtroppo io l’ho avuto 3 volte con conseguenze molto devastanti., soffro ancora di dolori post-erpetici,
    ma per il vaccino non trovo nessuno che si prenda la responsabilità di farmelo sia il mio medico di base e neppure ai due immunologi a cui mi sono rivolta anche se ASL della provincia di CREMONA a cui mi sono rivolta mi ha detto che non ho diritto al vaccino perché non ho fatto il trapianto del midollo osseo e se lo voglio farlo lo devo pagare e trovare qualcuno disposto a iniettarmelo.
    ASL mi ha anche detto che quello che scrivono i giornali e in TV riguardo il vaccino sono tutte frottole anche perché questo ha effetti collaterali significativi. Cosa posso fare a riguardo?
    Ringrazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano