danni-telefoninoAllo stato attuale, nonostante la confusione regni sovrana, i telefoni cellulari sono classificati dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) come elementi cancerogeni di categoria 2b, ossia potenzialmente cancerogeni per l’uomo.
A dare tuttavia una mano nell’opera di decisione se utilizzare o meno il cellulare, arriva un nuovo studio dei ricercatori dell’Università di Tel Aviv Sackler che hanno cercato indizi di una possibile potenzialità cancerogena dei cellulari nella saliva di un gruppo di volontari.
L’idea è che si possano trovare indizi nella saliva per un collegamento con il rischio di cancro poiché quando si telefona l’apparecchio si trova posizionato proprio vicino alla ghiandola salivare. Il confronto della saliva prelevata da utenti assidui di telefonia cellulare con non utenti ha mostrato che la saliva dei primi mostrava chiari segnali di maggiore stress ossidativo. Questo processo danneggia le cellule e il DNA e, a sua volta, è considerato un importante fattore di rischio cancro.
Nello studio, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Antioxidants and Redox Signaling, sono stati coinvolti 20 utilizzatori assidui di telefonia cellulare. Gli utilizzatori erano soliti telefonare per un minimo di otto ore al mese, tuttavia la maggior parte degli utenti usava il cellulare per molte più ore al mese: secondo i ricercatori si arriva anche a 30-40 ore mese. Il prelievo di saliva è stato eseguito su tutti i partecipanti e su un gruppo di controllo formato da non-udenti o da persone che non possedevano o utilizzavano il cellulare.
I risultati della analisi mostravano che gli utilizzatori assidui del cellulare, o smartphone, avevano un aumento significativo di tutti i parametri relativi allo stress ossidativo nella saliva.
Anche se questo ennesimo studio non è conclusivo, i ricercatori ricordano che le preoccupazioni per gli effetti delle radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti a radiofrequenza sui tessuti umani situati vicino all’orecchio, sono più che mai attuali e reali. I risultati dello studio, si aggiungono dunque al corpo di evidenze che suggeriscono come l’uso del telefono cellulare può essere dannoso a lungo termine.Bibliografia: www.lastampa.it

Commenti chiusi