abbronzaturaIl 17% degli adolescenti non ritiene che l’esposizione al sole sia dannosa e ben il 35% non è assolutamente a conoscenza dei rischi legati all’uso di lettini solari.
È quanto emerge da uno studio realizzato dalla Scuola di Specializzazione in Dermatologia e Venereologia della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Napoli Federico II su 191 studenti di un liceo di Napoli di età compresa tra i 16 e 19 anni dal quale risulta che più di uno su tre ignora i rischi della salute legati all’esposizione della pelle ai raggi Uva, sia quelli naturali che quelli artificiali.
Questi risultati sono allarmanti. La mania da abbronzatura, chiamata scientificamente tanoressia, sta sempre più prendendo piede, soprattutto tra i giovani, esponendoli al rischio di tumori cutanei.
La tarda primavera è il periodo giusto per prepararsi all’impatto con il sole. Per predisporre la pelle all’esposizione al sole basta seguire i tre passi fondamentali: pulire, tonificare ed idratare.
Queste azioni fanno sì che la pelle arrivi nello stato ideale per accogliere i raggi sani, sempre proteggendosi da quelli dannosi come i raggi Uva che, penetrando in profondità, sono responsabili del foto invecchiamento, di allergie solari e, nei casi più gravi, dei tumori della pelle. Tale invecchiamento si manifesta con un marcato cedimento e rilassamento dei tessuti con una evidente disidratazione, comparsa di macchie, cheratosi e rughe.
Dopo l’inverno il derma ha bisogno di riossigenarsi liberando i pori dalle cellule morte. Per rimediare a un’epidermide ruvida e spenta si può ricorrere allo scrub, maschere e fanghi. Per chi ha una pelle delicata e tendente a eritemi solari è possibile rinforzare l’organismo assumendo integratori che aiutino ad assimilare le sostanze di cui ha bisogno per evitare che la pelle reagisca al primo sole ed arrivare sulla spiaggia preparate. In commercio ci sono diversi prodotti efficaci, ma è importante scegliere quelli giusti ed indicati per ogni tipo di pelle, per cui è essenziale rivolgersi ad un consiglio esperto.
Preparata la pelle, dobbiamo ricordare che l’esposizione ai raggi solari deve essere graduale e sempre con la protezione di una buona crema solare, scelta in base al fototipo.

Commenti chiusi