Quando si parla di rimedi erboristici spesso si pensa a qualcosa che può essere preso in completa tranquillità dato che si tratta di prodotti naturali. Non è così, soprattutto se in contemporanea si assumono farmaci. Uno studio mette in guardia proprio su questo aspetto spesso sottovalutato dei trattamenti che scegliamo per mantenerci in salute.

Infatti, i trattamenti a base di erbe, apparentemente innocui, hanno anch’essi delle controindicazioni e potrebbero andare ad interferire con il buon funzionamento dei farmaci. L’erba di San Giovanni, o iperico, ad esempio, può interagire con un gran numero di medicinali e lo stesso vale per il ginseng o il ginkgo biloba. In una vasta revisione della letteratura medica, un team di ricerca dell’Università di Stellenbosch a Tygerberg, in Sud Africa, ha scoperto decine di casi in cui i trattamenti alternativi sembravano aver alterato gli effetti dei farmaci prescritti, sia vanificandone l’effetto che accentuandolo o, peggio ancora, causando effetti collaterali potenzialmente pericolosi.

Nel documento sono stati riportati esempi di pazienti che hanno avuto gravi problemi dopo l’assunzione di medicinali a base di erbe insieme a farmaci di diverso genere. I ricercatori autori dell’analisi pubblicata sul British Journal of Clinical Pharmacology, hanno esaminato oltre 5000 rapporti e ricerche che riportavano interazioni fra farmaci erboristici e medicinali industriali, finendo poi per concentrarsi su 49 casi clinici particolarmente rivelatori.

In tredici casi di uso dell’anticoagulante warfarina per malattie cardiocircolatorie, sono stati riportati interazione dannose con iperico, ginseng, succo di goji, salvia, semi di lino, cranberry e camomilla. In otto casi di pazienti trattati con ciclosporina dopo un trapianto di reni, invece, si sono rilevati danni renali, a causa dell’assunzione di camomilla e curcuma, che vanno a interferire con l’azione degli enzimi che regolano il metabolismo della ciclosporina. In undici casi di persone con tumore, che prendevano imatinib o altri chemioterapici, si sono registrati  alterazioni al fegato, ai muscoli e al sangue, dopo aver assunto ginseng, echinacea e aronia nera. Quindi, occorre attenzione.

Bibliografia: www.repubblica.it – www.greenme.it – www.lasaluteinpillole.it


 Farmacia 3.0 – Rubrica a cura del dott. Alberto Di Muria

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano