La provincia di Salerno è ancora in piena emergenza Coronavirus, in particolare nelle zone a sud di Salerno come il Vallo di Diano. Nei cantieri si intrecciano troppe mansioni, fasi, mezzi, attrezzi, ponteggi, lavoratori, con pericoli di contagio per intere squadre. Tra l’altro, non sono ancora disponibili tutti i dispositivi di protezione individuale necessari. Occorre, quindi, riaprire i cantieri gradualmente, con attività pianificate e coordinate sui rischi da Covid-19“.

Lo sostiene la Filca Cisl, il sindacato dei lavoratori edili.

Ritengo ragionevole – spiega De Luca, segretario della Filca Cisl Campania – una ripresa dell’attività non prima del 4 maggio. La riapertura deve essere graduale, organizzata, con Protocolli di Sicurezza condivisi e soprattutto applicabili nei diversi tipi di cantiere e nelle diverse fasi lavorative. Secondo il mondo scientifico, nella prima fase non possiamo coinvolgere i lavoratori over 55, quelli cardiopatici, invalidi, disabili e con altre patologie. Occorre cautela anche con i giovani apprendisti. Attenzione a far ripartire l’intero comparto edile in modo frettoloso e non coordinato, con il rischio di nuovi contagi e pericolose ricadute“.

– Chiara Di Miele –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*