Si è svolto ieri sera, presso la sala conferenze del Comune di San Pietro al Tanagro, l’incontro pubblico con i candidati della coalizione di centrodestra, Marzia Ferraioli candidata alla Camera del Collegio uninominale Cilento, Alberni, Vallo di Diano e Golfo di Policastro con Forza Italia e al Collegio plurinominale per Salerno e Provincia e Costabile Spinelli candidato al Senato della Repubblica.

Questo è un paese che a mio parere vive la crisi economica che è falsificata – dichiara Marzia Ferraioli- ci sono delle categorie abbandonate però c’è un ampio raggio di furbetti. Le condizioni sono difficili in tutte le categorie perché la gestione del Paese è stata fallimentare. Vediamo comparire milioni di euro all’improvviso quando bisogna fare una campagna elettorale e quando bisogna creare consenso. Stanno venendo fuori una serie di riforme che andavano fatte prima invece le stiamo prendendo in considerazione oggi come possibili riforme nell’imminenza della competizione elettorale. La protesta non serve a niente mentre il dialogo è fondamentale. La democrazia è il coinvolgimento del popolo ma qualcuno che dirige la baracca ci deve essere. Il ruolo si costruisce sui fatti e i fatti nascono dal dialogo e dal colloquio, con la ripartizione dei compiti e l’impegno di ognuno di noi. La protesta ti porta fuori dal contesto, non ti rende neanche più affidabile, è la manifestazione della propria ambizione personale e non ha niente a che fare con la passione per il partito. È necessario che il centro debba essere più vicino alla periferia che è la base. L’isolamento nasce dall’incapacità di creare una rete”.

Difendo la mia presenza qui e voglio tranquillizzare gli eventuali dubbiosi sul mio senso di responsabilità– conclude- Mi sono impegnata con me stessa di non venire a prendere i voti e scappar via ma ho bisogno del contatto sul territorio”.

Presente all’incontro anche Luigi Casciello candidato alla Camera dei Deputati per Salerno e provincia.

– Annamaria Lotierzo –

 

 

 

Un commento

  1. Ha detto “È necessario che il centro debba essere più vicino alla periferia che è la base”. Belle parole, se non si fosse assistito, negli ultimi anni, al continuo smembramento del Vallo di Diano. Qui, si viene solo per guardarsi intorno e portare via ciò che c’è di buono, come tribunale, carcere, reparti ospedalieri, attività, uffici territoriali ecc………
    Belle, anche, queste altre parole “…..Mi sono impegnata con me stessa di non venire a prendere i voti e scappar via”.Può a dire a chi deve votarla, cosa ha fatto, finora, per noi valdianesi, visto che in politica ci sta da anni? Qui, insieme ai voti scappa, anche, la dignità dei votanti, che ad ogni elezioni devono sentire promesse,promesse ……..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*