Una nuova ordinanza è stata firmata questa sera dal Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che contiene ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Da oggi fino al 14 luglio è consentita la ripresa delle attività delle discoteche e locali simili, limitatamente alle attività di intrattenimento musicale, bar e ristorazione, fermo restando il divieto di ballo, sia al chiuso sia all’aperto; è consentita la riattivazione di corsi di lingue, di laboratori e di altre attività formative o ricreative presso gli enti autorizzati.

Inoltre dal 15 giugno al 14 luglio è consentita la riapertura delle attività delle sale gioco e scommesse e delle sale bingo, è consentito lo svolgimento delle attività di cinema, teatri e spettacoli dal vivo, sia all’aperto che al chiuso.

Nei centri scommesse sarà vietato assistere alle competizioni sportive e alle comunicazioni sui monitor. Nei cinema e nei teatri i posti a sedere dovranno prevedere un distanziamento minimo, tra uno spettatore e l’altro, sia frontalmente che lateralmente di almeno 1 metro. Questa disposizione vale sia per gli spettacoli all’aperto che per gli
spettacoli al chiuso. Questa misura non viene applicata per i nuclei familiari, i conviventi e le persone che in base alle disposizioni vigenti non sono soggette al distanziamento. Tutti gli spettatori devono indossare la mascherina dall’ingresso fino al raggiungimento del posto e comunque ogni volta ci si allontani dallo stesso, incluso il momento del deflusso.

Per quanto concerne l’uso della mascherina fino al 21 giugno è confermato l’obbligo sia all’aperto che al chiuso, mentre dal 22 giugno diventa facoltativo l’utilizzo all’aperto, ferma restando l’obbligatorietà nei luoghi chiusi. E’ comunque obbligatorio portarla con sè e indossarla anche all’aperto e nei luoghi e negli spazi affollati e in ogni caso in cui la distanza interpersonale di almeno 1 metro non sia assicurata.

Dall’1 luglio è consentito lo svolgimento di attività congressuali, rispettando le distanze di sicurezza. Mentre è demandato alle singole strutture sanitarie, riabilitative e residenziali, pubbliche e private, di
disciplinare ed organizzare l’accesso di accompagnatori e visitatori nelle sale di attesa e nei reparti. Dal 16 giugno è dato mandato alle ASL di effettuare controlli a campione della temperatura corporea dei viaggiatori, nonché di praticare test diagnostici in caso di temperatura superiore a 37,5°C o in presenza di sintomi, anche lievi, compatibili
con il virus. Resta confermato per i viaggiatori l’obbligo di sottoporsi ad eventuali controlli presso le stazioni e i moli di imbarco.

Con la stessa ordinanza è previsto un aggiornamento nella gestione delle spiagge libere. I Comuni provvederanno ad installare pannelli informativi e ad adottare ulteriori misure di informazione e sensibilizzazione. Gli utenti dovranno tenere un distanziamento interpersonale di almeno un metro, è vietato l’assembramento così come lo stanziamento dei bagnanti sulla battigia. Gli utenti dovranno osservare la distanza minima di 1,5 metri tra le attrezzature di spiaggia e di almeno 3,2 metri da palo a palo tra gli ombrelloni.

– Chiara Di Miele –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*