Continuano senza sosta le attività dell’Azienda Ospedaliera Regionale “San Carlo” di Potenza che nonostante le tante difficoltà legate all’emergenza COVID-19 sta operando nella completa regolarità ed efficienza.  “Si ritiene doveroso che i cittadini siano a conoscenza che i loro Presidi Ospedalieri sono in grado di assicurare una risposta adeguata alle straordinarie necessità assistenziali determinate dalla pandemia in corso“. Lo annuncia il Direttore Generale Massimo Barresi.

In particolare l’Azienda, pur disponendo di figure professionali e strumenti necessari per affrontare l’emergenza, ha deliberato l’assunzione a tempo indeterminato di 5 Dirigenti Medici della Disciplina di Medicina dell’Apparato Respiratorio, 5 Dirigenti Medici della Disciplina di Malattie Infettive e di una specializzanda a tempo determinato della Disciplina di Medicina e Chirurgia d’Accettazione e d’Urgenza oltre a 1  contratti individuali di lavoro in regime di Collaborazione Coordinata e Continuativa di cui 8 laureati in Medicina e Chirurgia, tre in corso di  Specializzazione in Anestesia e Rianimazione e due  in corso di Specializzazione in Malattie dell’Apparato Cardiovascolare.

Ulteriori avvisi pubblici sono stati inoltre approvati sia per l’assunzione a tempo determinato di Dirigenti Medici di Anestesia e Rianimazione da assegnare ai Presidi Ospedalieri dell’AOR, che per il reclutamento straordinario di personale medico per esigenze assistenziali da emergenza COVID-19, con incarico di lavoro autonomo, a medici in quiescenza in varie discipline.

Tra le misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’attuale emergenza epidemiologica sono stati prorogati sino al 31 dicembre 22 contratti a tempo determinato con il personale infermieristico in servizio attivo ed un contratto individuale di Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico.

Come previsto dall’art. 3 comma 1 del DPCM dell’8 marzo, su segnalazione del medico competente, sono stati  temporaneamente messe a riposo fino al 4 aprile 58 unità lavorative dislocate sia nell’AOR “San Carlo” di Potenza che nei Presidi Ospedalieri di Pescopagano, Melfi, Villa d’Agri e Lagonegro.

Sono stati individuati i livelli di responsabilità operativa per le molteplici esigenze assistenziali e specialistiche ed attrezzati, secondo lo standard dei vari livelli di terapia intensiva, i posti letto che, ad oggi, sono 22 di cui 16 riservati ai pazienti Covid e 6 ai pazienti con altre patologie e organizzati tutti i percorsi clinici assistenziali per ogni attività specialistica.

Con non poca difficoltà – spiega Barresi – si è riusciti ad individuare ditte con scorte disponibili di mascherine, consegnate man mano e compatibilmente con le altre consegne effettuate sul territorio nazionale, commissionandone varie tipologie quali: 27.600 mascherine FFP3, 15.000 mascherine FFP2, 290 maschere a pieno facciale Selecta + 800 filtri serie Dirin 230 P3 e 53.000 mascherine chirurgiche. Data l’emergenza, a garanzia di un più agevole accesso degli operatori sanitari, fino al 3 aprile e comunque sino ad altro termine indicato in eventuali successivi provvedimenti governativi in materia, i parcheggi antistanti i Padiglioni B ed M precedentemente destinati alla sola utenza esterna, potranno essere occupati anche da parte di tutti i dipendenti possessori di badge. E ancora, a beneficio sia dei dipendenti che dei pazienti, sono stati installati molteplici dispenser contenenti gel sanificanti e si è provveduto all’acquisizione in comodato d’uso di particolari macchinette, distribuite anche a tutti i Presidi Ospedalieri presenti in regione, con le quali una volta inserito il liquido sanificante ed attraverso un processo di nebulizzazione, è possibile effettuare in proprio senza alcun costo aggiuntivo e soprattutto in maniera immediata, la sanificazione di ambulanze, autovetture e spazi dedicati“.

Per una maggiore tutela dei cittadini e per poter garantire una mappatura quanto più veloce ed efficace possibile si è provveduto all’acquisto di un ulteriore macchinario per l’esame dei tamponi tradizionali atti a rilevare il contagio da virus, la cui consegna è prevista nei prossimi giorni e di Lettori per l’effettuazione di test rapidi, in grado di fornire il risultato entro 15 minuti, a cui verranno sottoposti progressivamente, secondo criteri di priorità epidemiologica, tutti i dipendenti in servizio sia al San Carlo, dove tale procedura è già iniziata dal 28 marzo, che i dipendenti dei Presidi Ospedalieri di Pescopagano, Villa d’Agri, Melfi e Lagonegro, per i quali in caso di risultato positivo si provvederà immediatamente all’allontanamento con contestuale verifica mediante tampone tradizionale. Attualmente tramite Thermoscan, sia al San Carlo che nel Presidio di Lagonegro, nell’attesa di ricevere ulteriori apparecchi già commissionati anche per tutti gli altri Presidi, agli ingressi viene misurata a tutti, compreso i dipendenti, la temperatura corporea.

L’Ospedale – prosegue Barresi – è oggi adeguato ad affrontare nel modo più completo l’emergenza in corso e questo grazie ad un intenso e totalitario impegno di tutti i ruoli professionali del Presidio Ospedaliero San Carlo e delle Direzioni Mediche dei diversi Presidi Ospedalieri Aziendali  che, coordinati 24h/24 dal Direttore Sanitario Rosario Sisto, hanno dato e continuano a dare senza sosta il loro prezioso contributo consapevoli di quanto ciascuno è indispensabile per la conferma dell’affidabilità tecnica e morale del sistema sanitario lucano e dei suoi operatori“.

– Chiara Di Miele –

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*