Lettera aperta alla redazione di Franco Iorio.

Ci vorrebbe un Ulisse per il Vallo di Diano… Che sta diventando la nostra Itaca, da tempo incredibilmente perduta e mai più ritrovata. Ogni tanto a Sala Consilina, poi a Teggiano, a Polla, a Padula fino a Montesano sulla Marcellana se ne annuncia la conquista, poi sempre rinviata a occasioni più propizie. Di questi tempi si ha notizia di qualche Ulisse improvvisato che pensa di raggiungere le rive pur senza averne i requisiti.

Le elezioni amministrative per il rinnovo di Sindaci e Consigli comunali sono prossime e più di qualcuno veste i panni del leader annunciando la discesa in campo e promettendo la rifioritura dei territori dove una volta esistevano Tribunale, carceri, uffici, negozi, commercio e iniziative imprenditoriali. Ma di Ulisse ce ne fu uno solo, animato di sete di conoscenza, astuto e intelligente. Sul proscenio del Vallo di Diano si affacciano oggi troppi Ulisse, magari senza arte oratoria e privi di acutezza intellettuale per conquistarci a un discorso che deve convincere.

Ulisse fu un Enrico Quaranta, a Polla un Gerardo Ritorto, a Teggiano un Antonio Innamorato e un Michele Pinto. Quanto fecero e quel che fecero è consacrato alla storia, superfluo ritornarci in questa occasione non fosse altro per evitare sproporzioni di raffronto. Quelli erano giganti, oggi avanzano i pigmei. Poi solo imitazioni, per giunta mal riuscite.

Spero di non prendermi la stessa dose di “vaffa” e di qualche latente minaccia, come patii quando mi permisi di scrivere “Chi ha tradito il Vallo di Diano“: era il 6 agosto 2019 e Ondanews accolse i miei pensieri in proposito, segno che non erano peregrini.

Imitazioni, dicevo. E allora non possiamo non dirci che la costruzione di un discorso di sviluppo deve avere una logica precisa, da cui dipende il successo del programma capace di investire ciascun paese e tutti i paesi insieme, quindi il Vallo di Diano. Chi può farlo deve possedere capacità di governo, quindi una preparazione adeguata a monte, avere doti per generare empatia, creare fiducia, trascinare per farsi seguire. Gli anni a venire segneranno un punto di non ritorno perché le amministrazioni civiche riceveranno finanziamenti conseguenti al PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) e saranno chiamate ad operare con celerità ed efficienza, senza errori, senza distrazioni.

Così torniamo all’argomento: occorre arrivare a Itaca, per arrivarci ci vorrebbe Ulisse. E se Ulisse fosse donna? Se invece che un Ulisse fosse una Ulissa? Il pensiero mio personale non va lontano, corre a un piccolo Comune alle pendici del Monte Cervati ove emerge una leader capace a mio parere di tracciare una rotta, di prendersi tempo per percorrerla, di indugiare nel mentre nelle tentazioni senza cedervi del tutto, di attraversare i pericoli con lucidità e scaltrezza. Soprattutto capace di mettere la propria astuzia al servizio di una causa mai priva di una punta di grandiosità. Sarebbe una scommessa farle vestire i panni del personaggio della mitologia greca… Perché, parafrasando Teddy Roosevelt, è impossibile vincere le grandi scommesse della vita senza correre dei rischi, e le più grandi scommesse sono quelle relative alla “politica”.

– Franco Iorio –

Un commento

  1. Pasquale says:

    Dottore, in realtà nn ricordo tutti questi grandi “miracoli”(a parte quelli personali o a persone vicine) fatti a Teggiano dai signori che lei ha nominato, eppure mi permetta di dirlo, avrebbero potuto, per il resto condivido il suo pensiero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*