La Cassazione ha annullato il provvedimento con il quale era stato liberato il dottore Alessandro Marra, ex dirigente dell’hospice “Il Giardino dei Girasoli” di Eboli.

Il sanitario è indagato per l’omicidio di un 28enne di Battipaglia, malato terminale di cancro a cui è stata somministrata una dose letale di un farmaco stupefacente specifico per le cure palliative.

Come si legge sul quotidiano“La Città di Salerno”, è stato dunque accettato il ricorso del Sostituto Procuratore Elena Guarino che era ricorsa alla Corte Suprema dopo che i giudici avevano liberato il medico dai domiciliari.

Il tribunale del Riesame di Salerno dovrà esaminare il tutto alla luce della decisione della Corte Suprema, di cui ancora non si conoscono le motivazioni. Il Sostituto Procuratore Elena Guarino aveva chiuso le indagini confermando l’ipotesi investigativa a carico di Marra in attesa poi di fare la richiesta di rinvio a giudizio e quindi di formulare il capo di imputazione.

– Annamaria Lotierzo –


  • Articoli correlati:

14/11/2018 – Dose letale di un farmaco ad un paziente. Torna in libertà il medico accusato di omicidio ad Eboli

26/10/2018 – Dose letale di un farmaco ad un paziente. Il medico accusato di omicidio ad Eboli:”Non l’ho ammazzato”

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*