2013 2014Il 2013 sta per salutarci con il suo carico di aspettative, delusioni e momenti più o meno importanti. E per tutti è tempo di bilanci. Per quanto riguarda il Vallo di Diano, a “dominare la scena” è stata, senza dubbio, la soppressione del tribunale di Sala Consilina, con il conseguente accorpamento al presidio di Lagonegro. L’atto è stato preceduto da diverse manifestazioni di protesta, “scontri” e sit in che, tuttavia, non sono risultati utili ad evitare la chiusura della preziosa struttura.

Resterà certamente nella mente e nel cuore dei valdianesi e non solo, il sacrificio estremo dell’avvocato di Sala Consilina, Pino Paladino, annegato a Palinuro per soccorrere dei bagnanti in difficoltà. Per onorarne la memoria, gli sarà attribuita la medaglia d’oro al valor civile.

L’anno corrente ha registrato anche la “guerra dei SAUT” relativa alle polemiche scoppiate, in particolare, tra il Comune di Teggiano e quello di Montesano, in merito alla paventata soppressione del PSAUT teggianese con il conseguente potenziamento dell’ex clinica Fischietti di Padula. Restando in tema sanitario, con il passare dei mesi hanno finito per destare sempre più preoccupazione le voci legate al paventato depotenziamento dell’ospedale di Polla, con il presunto rischio di chiusura per alcuni reparti. Il territorio ha visto poi alcune “battaglie”, come quella intrapresa dal Comune di Montesano sulla Marcellana contro la costruzione della stazione elettrica. Senza dimenticare le difficoltà vissute dai dipendenti della Ergon, società partecipata del Consorzio di Bacino SA3, in merito al pagamento degli stipendi ed alle incertezze sul futuro.

Una buona notizia è stata, invece, rappresentata dall’udienza preliminare tenutasi a Salerno, relativa al “processo Chernobyl”, sebbene le prospettive non siano incoraggianti, visto il concreto rischio prescrizione a novembre 2014.

A livello politico-amministrativo si è registrato il ritorno di Rocco Giuliano sulla poltrona di sindaco di Polla e l’elezione di Pasquale Iuzzolino quale nuovo primo cittadino di Atena Lucana, nel segno comunque della continuità con il suo predecessore. Vanno sottolineate, inoltre, le dimissioni (atto non proprio consueto) del segretario del PD di Teggiano, Marco Mea per protestare contro l‘indifferenza della classe politica e del PD in particolare, in merito alla soppressione del tribunale. In ottica sportiva e di promozione territoriale, infine, non si può non evidenziare l’assegnazione a Sassano della partenza di una tappa del prossimo Giro d’Italia.

Questi sono alcuni dei principali fatti che hanno caratterizzato l’anno che sta per dirci addio. Per il 2014, alla luce della lotta tuttora attuale, le speranze principali sono riposte nel “ritorno” nel Vallo del presidio di giustizia salese. In ottica elettorale, invece, saranno 6 i paesi interessati dalle elezioni comunali, ovvero Sala Consilina, Teggiano, Sant’Arsenio, San Pietro al Tanagro, Buonabitacolo e San Rufo.

– Cono D’Elia – ondanews –

 

Commenti chiusi