Circa 150 milioni di euro sono i fondi approvati dalla Commissione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali per finanziare 273 siti di interesse culturale in tutte le regioni d’Italia che hanno presentato domanda di ammissione al progetto “Bellezz@ – Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati“.

Le attività di selezione svolte dalla Commissione si sono concluse lo scorso 15 dicembre.

Numerosi sono i luoghi culturali che verranno finanziati anche in provincia di Salerno. In particolare nel Vallo di Diano sono tre i Comuni che potranno godere dei finanziamenti governativi a tutela di alcuni siti e si tratta di Polla, Pertosa e Sassano. Alle Grotte di Pertosa-Auletta la Commissione ha destinato 700mila euro, mentre 1 milione e 500mila euro sono stati stanziati per la Chiesa e l’Oratorio di Santa Maria dei Greci di Polla e 1 milione e 800mila euro per la Grotta del Pino di Sassano.

Tra gli altri centri del Salernitano ci sono anche la Cripta della Concattedrale Santa Maria della Pace a Campagna, la Chiesa di S. Giovanni Gerosolimitano di Buccino (766.307 euro), il Palazzo Ventimiglia di Stella Cilento (1 milione e 800mila euro) e la Cappella della Madonna della Porta a Gioi (329.610 euro).

Nel 2016 per recuperare i luoghi culturali dimenticati il Governo ha messo a disposizione 150 milioni di euro e ha dato l’opportunità ai cittadini di segnalare al Ministero un luogo pubblico da recuperare, ristrutturare o reinventare per il bene della collettività o un progetto culturale da finanziare.

– Chiara Di Miele –

4 Commenti

  1. sac. luigi terranova says:

    Mi piace dire Grazie a tutti coloro che hanno creduto nella iniziativa e inviarono l email di segnalazione per la Chiesa e l Oratorio S. Maria. Dei Greci a Polla. Alle tante porte a cui si è bussato ( elegante mente chiuse in faccia) oggi si è aperto questo Portone. Il merito? Solo ai coraggiosi anche se non troppo fiduciosi che inviarono a bellezza@governo.it la segnalazione. Chiedo per un Grazie personale i nomi….. Dovrebbero essere sulle 700 persone Grazie di Cuore e buon anno. Don Luigi Terranova parroco-promotore

  2. La grotta del “Pino” e’ una grotta scoperta da tempo, dove sono stati trovati reperti archeologici risalenti a migliaia di anni fa che hanno attirato l’attenzione di varie universita’. purtroppo per una questione di fondi la grotta del “pino”e’caduta nel dimenticatoio fino ad oggi. e’ ubicata in via Porcile a sassano.

  3. tra oratori e grotte credo che l’unico contributo assegnato al vallo di diano è quello assegnato alle grotte di pertosa, grotte che vengono visitate da migliaie di visitatori all’anno, le altre due è la prima volta che ne sento parlare…………senza nessun togliere ai comuni di sassano e polla………..

  4. Ma qualcuno conosce la grotta del pino a Sassano? Con un contributo di 1800.000 farebbero bene a rifare le fognature,.altro che grotta!!!!quando si dice”buttare o soldi dalla finestra”!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano