Il Tribunale del Riesame conferma gli arresti domiciliari per il sindaco di Eboli, Massimo Cariello.

I suoi legali avevano chiesto la scarcerazione, contestando l’uso investigativo dello spyware, il trojan che ha registrato le conversazioni telefoniche intercorse tra Cariello e i dirigenti comunali coinvolti nell’indagine per pilotare le assunzioni all’asilo e quelle con alcuni imprenditori per sanare irregolarità.

Gli avvocati di Cariello hanno inoltre presentato una relazione di parte sul reato di abuso d’ufficio. I giudici del Riesame hanno preso in esame anche quanto sostenuto dalla pubblica accusa che ha ribadito il rischio concreto che Cariello, se fosse libero, potrebbe inquinare le prove o reiterare il reato.

Le motivazione della decisione del Riesame saranno depositate tra 45 giorni.

Il sindaco di Eboli è accusato di corruzione e abuso d’ufficio nell’ambito di un’indagine condotta dalla Guardia di Finanza e che ha coinvolto anche quattro funzionari dei Comuni di Eboli e Cava de’ Tirreni, interdetti per un anno.

– Chiara Di Miele –


  • Articolo correlato:

9/10/2020 – Corruzione e abuso d’ufficio. Ai domiciliari il sindaco di Eboli Massimo Cariello

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*