cilentoblu bannerSuccesso dell’iniziativa “Cilento blu” che prevede l’istituzione di un sistema integrato di trasporto mediante mobilità su ferro ed, in particolare, con i vettori dell’alta velocità, per meglio collegare le città del Centro-Nord Italia con il Cilento e il Vallo di Diano, e mediante mobilità via mare per offrire al turista l’opportunità di avere dei collegamenti da Salerno ai porti della costa cilentana e di effettuare escursioni dal Cilento alla Costa Amalfitana, all’Isola di Capri, alle città di Napoli e Salerno.

Il trasferimento da Salerno con il CilentoBlu Express o con Italobus è gratuito ed è riservato ai viaggiatori, in possesso del biglietto unico di alta velocità Trenitalia o del biglietto integrato Italo+Italobus, provenienti dalle città di Torino, Milano, Bologna, Firenze, Roma e Napoli. La mobilità via mare  mette in collegamento nove porti della costa regionale: Napoli Beverello, Capri, Positano, San Marco di Castellabate, Acciaroli, Marina di Casal Velino, Palinuro, Marina di Camerota e Sapri.

corrado materaNell’ambito del progetto “Cilento Blu Club” è prevista la promozione “Scopri il Cilento – al viaggio ci pensiamo noi“, sostenuta e finanziata dagli operatori delle strutture ricettive del Cilento e del Vallo di Diano che aderiscono all’iniziativa.

“In Campania abbiamo un patrimonio enorme da gestire e valorizzare, sul piano ambientale, archeologico, artistico, culturale, enogastronomico, religioso – ha riferito l’assessore regionale al Turismo Corrado Matera – Quello che ci è mancato nel passato è stato l’elemento dell’organizzazione. Con Cilento blu stiamo provando a realizzare  un sistema turistico campano che abbia un suo marchio, un suo brand, una sua attrattività, una sua organicità per fare quel salto di qualità che è necessario nel campo dei sevizi. Si tratta di una ottima chance per il Cilento ed i dati attualmente in nostro possesso sono molto incoraggianti”.

– redazione –


 

Un commento

  1. Nel Cilento quando, a metà settembre non ci sra più il Teno Cilento Blu Express diTRENITALIA cisaranno, comunque, i TENI REGIONALi di TRENITALIA. Il Vallo Di Diano se NTV non metterà mano alla propria tasca, NON avrà più ITALOBUS pagato oggi dalla Refione Campania e,
    a differenza del Cilento, continuerà ad essere ISOLATO. Senza TRENI Regionali non si va da nessuna parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*