Il capogruppo di Forza Italia e consigliere regionale della Basilicata, Francesco Piro, facendo riferimento a una dichiarazione del capogruppo di Italia Viva, Tommaso Pellegrino, fatta in Consiglio regionale della Campania sul progetto ferroviario di “un’interlocuzione costante con il viceministro alle infrastrutture, Teresa Bellanova, Rfi e la struttura tecnica del Ministero”, è intervenuto evidenziando “che le guerre di campanile sono tra le cause maggiori del divario infrastrutturale con il Centro-Nord”.

Rivolgendosi al consigliere regionale della Campania che ha affermato di non poter accettare alcuna intesa con Lagonegro, Piro afferma: “Un consiglio ai colleghi del Consiglio regionale della Campania, in particolare a quelli che rappresentano il Vallo di Diano. Sul progetto dell’Alta Velocità Salerno – Reggio facciano meno dichiarazioni e più impegno istituzionale, magari insieme, altrimenti corrono il rischio di ripetere il flop della mancata difesa del Tribunale di Sala Consilina. Potremmo riferire a Pellegrino che la nostra interlocuzione è con il Ministro alle Infrastrutture Giovannini e con il Premier Draghi ma preferiamo più semplicemente metterlo in guardia a moderare i toni quando afferma ‘non possiamo accettare alcuna intesa con Lagonegro per quanto riguarda l’Alta Velocità’”.

“La divisione tra le comunità del Sud e le guerre di campanile – conclude il consigliere regionale della Basilicata – sono tra le cause maggiori dello storico divario infrastrutturale con il Centro-Nord dal quale nessuno si salva da solo. Gli elettori del Vallo di Diano sono così intelligenti da capire la mossa di propaganda”.


  • Articolo correlato: 

20/12/2021 Alta Velocità. Pellegrino:“Nessuna intesa con Lagonegro, fermata tra Buonabitacolo e Atena Lucana confermata”

3 Commenti

  1. Trovo le parole de sedicente amministratore Piro di una violenza dialettica inaudita e indegne di un politico.

  2. HAI PERFETTAMENTE RAGIONE. NON MI E’ PIACIUTA L’AFFERMAZIONE DI PIRO CIRCA ” GLI ELETTORI DEL VALLO DI DIANO SONO COSI’ INTELLIGENTI DA CAPIRE LA MOSSA DI PROPAGANDA”. VOLEVA FORSE DIRE CHE NOI DEL VALLO DI DIANO ABBIAMO SBAGLIATO AD ELEGGERE PELLEGRINO E CHE, QUINDI, SIAMO STUPIDI? AVRO’ FORSE SBAGLIATO AD INTERPRETARE? NON SI E’ UCCISO L’ORSO PRIMA DI AVERNE LA PELLE.

  3. Se non ci fosse stato qualche Giuda nel Vallo di Diano che se lo svendeva…
    col ca… che Lagonegro teneva il tribunale adesso!!!
    Non per merito vostro ma per infamia di altri!!!
    Tranquilli, ride bene chi ride per ultimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano