Adescava minorenni su Facebook e le convinceva a spogliarsi e a compiere atti sessuali in webcam. Questo il motivo per cui S.B., 32enne di Campagna ma residente a Roma, è stato arrestato in seguito a capillari indagini messe in campo dalla Polizia Postale.

Tutto è avvenuto nel 2014 quando il 32enne ha adescato sul social network alcune dodicenni attraverso un falso profilo con cui si fingeva una loro coetanea. Le indagini hanno preso il via quando i genitori di una delle ragazzine vittime dell’uomo ha presentato denuncia alla Polizia Postale che è risalita al computer di un’abitazione di Campagna di proprietà del fratello dell’arrestato.

Successivamente la residenza romana del 32enne è stata perquisita e nel suo pc sono state trovate quasi 1000 foto pedopornografiche e più di 200 video.

Proprio grazie al ritrovamento di questo materiale è stato possibile far scattare le manette ai polsi di S.B. che attualmente è detenuto a Roma.

– Chiara Di Miele – 


 

2 Commenti

  1. Tonino B. says:

    Castrazione unica soluzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*