È partita a Camerota una fitta rete di controlli incrociati per verificare l’identità degli ospiti presenti sul territorio e la regolarità della posizione delle strutture ricettive e degli appartamenti che li ospitano.

Il comando di Polizia Locale, già da questa mattina, ha iniziato ad effettuare fermi e verifiche. I caschi bianchi hanno controllato 19 appartamenti e 3 strutture ricettive. In 6 casi sono state elevate sanzioni e segnalate le irregolarità alle autorità competenti. Sono, inoltre, stati scoperti turisti non registrati e tassa di soggiorno non versata.

I controlli sono avvenuti anche in zona porto. Gli agenti in questo caso hanno fermato e identificato 36 persone mentre si recavano in spiaggia; immediatamente sono state verificate le strutture dove hanno dichiarato di alloggiare. Da qui la Municipale è riuscita a risalire che, come in precedenza, in alcuni casi i turisti non erano stati registrati e la tassa di soggiorno non era stata pagata.

L’elenco delle strutture non registrate a PayTourist, il portale per il pagamento dell’imposta di soggiorno, è già nelle mani degli inquirenti che nei prossimi giorni faranno visita ad altri villaggi, campeggi, B&B, appartamenti, residence e case vacanza. I controlli saranno sempre più frequenti, considerando anche le normative anti-Covid ancora in vigore sul territorio.

– Paola Federico –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*