Il Comando Provinciale dei Carabinieri di Potenza, attraverso i Reparti dipendenti, continua nelle attività di controllo volte a garantire l’osservanza delle disposizioni che regolamentano la legittima attribuzione del reddito di cittadinanza, affinché i beneficiari della misura economica ne abbiano effettivamente titolo, di fatto prevenendo possibili indebite percezioni al riguardo. L’iniziativa è finalizzata a sostenere gli organi istituzionali preposti, cosicché la corresponsione raggiunga i legittimi destinatari e non venga distratta da terzi malintenzionati.

In tale contesto, attraverso una serie di verifiche incrociate, i carabinieri hanno potuto denunciare alla locale Procura della Repubblica una donna di Vietri di Potenza, poco più che quarantenne, responsabile dei reati di appropriazione indebita e indebito utilizzo di carta di credito.

I militari dell’Arma potentina hanno, infatti, accertato che in seguito al decesso di un suo parente, avvenuto a fine estate scorsa, percettore del beneficio, la carta prepagata a lui intestata è stata utilizzata nel frattempo dalla donna per l’acquisto di vari articoli commerciali, anche in comuni diversi da quello di residenza, presumibilmente per evitare di poter essere scoperta.

È stato così possibile risalire alla nipote dell’uomo che, una volta appropriatasi della carta, anziché denunciarne il possesso e consegnarla agli uffici preposti, ha deciso di effettuare una serie di spese per un totale di 700 euro, tra cui vari prodotti, non solo di natura alimentare ma anche di abbigliamento.

Tra l’altro, la donna, nel corso degli accertamenti condotti dai Carabinieri, ha anche rilasciato loro delle informazioni non veritiere, allo scopo di depistare le indagini senza però evidentemente riuscirci.

Paola Federico –

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano