La Procura di Salerno ha aperto un fascicolo di inchiesta sulla vicenda relativa alle flessioni inflitte per punizione agli specializzandi della Scuola di Ortopedia dell’Università di Salerno. Il Direttore Nicola Maffulli, che rischia due procedimenti disciplinari da parte dell’Ateneo e dell’Ordine dei Medici, chiederà di essere sentito dai pm.

L’associazione degli specializzandi aveva giorni fa diffuso sui social foto e video a testimonianza di una strana pratica utilizzata nella Scuola di specializzazione per “punire” i ritardatari. Flessioni davanti a tutti nel caso si fosse arrivati a lezione in ritardo.

Una commissione istituita dal Rettore, che ha temporaneamente affidato la direzione della Scuola a Carmine Vecchione, dovrà far luce internamente sulla vicenda ascoltando gli specializzandi e il diretto interessato, il quale avrebbe sostenuto che si trattava di un gioco noto agli studenti, per creare affiatamento.

Ma la Procura vuole vederci chiaro e così il pm Cardillo ha aperto un fascicolo d’indagine che al momento risulta contro ignoti. Il presidente dell’associazione degli specializzandi, Massimo Minerva, ha già rilasciato delle dichiarazioni agli inquirenti, mentre il professor Maffulli è stato ascoltato dall’Ordine dei Medici di Napoli, presso cui è iscritto.

  • Articolo correlato:

6/4/2022 – Università di Salerno. Medici specializzandi che arrivano tardi costretti a fare flessioni, è polemica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.