Abbiamo avuto conferma che è stato concesso il riconoscimento speciale per la ‘UN Ocean Conference’ alla nostra organizzazione. Miliardi di esseri umani, animali e piante dipendono da un oceano sano ma l’aumento delle emissioni di CO2 lo sta rendendo più acido, indebolendo la sua capacità di sostenere la vita sottomarina e terrestre. Anche i rifiuti di plastica stanno soffocando i nostri oceani ed entro il 2100 più della metà delle specie marine del mondo potrebbe essere sull’orlo dell’estinzione. Le soluzioni per ripristinare la salute dell’oceano, che fornisce ossigeno, cibo e mezzi di sussistenza, sono già disponibili e tra 100 giorni saranno sotto i riflettori a Lisbona, in Portogallo, alla seconda United Nation Ocean Conference che si terrà dal 25 giugno al 1° luglio”, è quanto dichiarato dal Presidente della Fondazione Angelo Vassallo, Dario Vassallo.

A 100 giorni dall’evento, UN News ne ha parlato con Peter Thomson, inviato speciale per l’Oceano del Segretario generale delle Nazioni Unite. “E’ un traguardo importante che conferma il riconoscimento mondiale della nostra Fondazione – continua – ‘Pulizia dei fondali marini’ è uno dei migliori progetti per il mare e continueremo a portarlo in giro per il mondo per spiegare che non è solo un progetto ambientale ma un progetto culturale. Anche salvando una sola goccia del nostro mare si contribuisce a salvare la vita. Gli oceani forniscono oltre il 50% dell’ossigeno che noi respiriamo”.

Come sottolineato, nel Mediterraneo la situazione è allarmante basti pensare che ogni giorno si gettano in questo mare 731 tonnellate di rifiuti: “Il Mediterraneo è un mare chiuso nel quale sfociano 69 fiumi dove il riciclo dell’acqua attraverso lo Stretto di Gibilterra avviene ogni 100 anni. E’ un mare dove vivono sulle coste 150 milioni di persone che diventano 450 milioni in estate. Molti Paesi, compreso il nostro, non hanno impianti di depurazione adeguati e per questo l’Italia è sotto procedura di infrazione da parte dell’Unione Europea e rischia di pagare una multa da milioni di euro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.