Tumore di 15 kg asportato in gravidanza al Ruggi di Salerno. La storia di Bernardette a “I fatti vostri” Ospiti in studio i dottori Mario Polichetti e Raffaele Petta, protagonisti dell'intervento





































 

Ospiti questa mattina su Rai Due, nella nota trasmissione condotta da Giancarlo Magalli, “I fatti vostri“, i dottori Mario Polichetti e Raffaele Petta, due medici protagonisti della realizzazione di un intervento considerato unico al mondo eseguito all’ospedale “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” di Salerno. I medici del reparto “Gravidanza a rischio” hanno asportato un’enorme massa tumorale del diametro di circa 35 centimetri con un peso di 15 kg da una paziente alla 37^ settimana di gravidanza.

Ospite in tv anche mamma Bernardette, che dopo l’esperienza vissuta ha ritrovato il sorriso abbracciando il suo Dante. Nonostante la rilevante dimensione del tumore, che è cresciuto insieme al feto, grazie all’intervento è stato possibile salvare il nascituro e la madre.








Abbiamo studiato l’intervento – ha dichiarato il dott. Polichetti – grazie anche all’apporto della nostra equipe, alla quale si sono affiancati come ecografista il collega De Rosa e il ginecologo Allegro. Abbiamo programmato l’intervento in epoca di sicura maturità fetale“. Dopo la nascita del neonato con parto cesareo sotto controllo ecografico, si è proceduto all’asportazione della massa tumorale con un intervento durato poco più di due ore, mentre alla donna sono state trasfuse due sacche di sangue.

“Ringrazio tutti quelli che mi hanno supportata in questo periodo – ha sottolineato la signora Bernardette- ho seguito alla lettera tutte le raccomandazioni e ringrazio i medici presenti in studio“.

“Non ci sono preoccupazioni né per il futuro del bambino – hanno continuato i medici – né per la salute della madre grazie a questo intervento definitivo“.

– Gianluca Calenda –


  • Articolo correlato

26/12/2018 – Intervento unico al mondo all’ospedale di Salerno. Asportato tumore di 15 kg ad una donna incinta







































Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*