I Carabinieri del Comando Provinciale di Potenza, nel delicato periodo connotato dal protrarsi dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, insieme alle costanti attività di controllo del territorio, sono sempre più concentrati nel monitoraggio del web, rivolgendo particolare attenzione a coloro che, anche a causa della maggiore permanenza negli ambienti domestici, spesso navigano nella rete, per le più diverse esigenze, risultando, pertanto, esposti a possibili contatti con malintenzionati, di cui potrebbero divenire vittime di reati informatici.

In tale ottica i Carabinieri dei locali Comandi Stazione hanno individuato e denunciato all’Autorità Giudiziaria 8 persone, tutte residenti in altre regioni, responsabili di truffa, via web, ai danni di ignari cittadini.

A Lauria un 66enne, dopo essersi impossessato fraudolentemente dei codici di accesso alla carta di credito di un anziano del luogo, ha effettuato a sua insaputa un acquisto online per un importo di 100 euro.

A Ruoti, un 56enne ed un 57enne, dopo avere proposto su di un noto e specializzato sito online la vendita di un’auto, hanno indotto un uomo del luogo a inviare la somma di 2.440 euro, rendendosi subito dopo irreperibili.

Infine, un 47enne, dopo avere contattato telefonicamente una donna di Viggiano in merito ad un annuncio online da lei postato, per la vendita di quattro cerchi in lega per un’auto, al prezzo di 400 euro, l’ha indotta, fingendo un malfunzionamento della propria carta prepagata e facendole credere di ricevere il bonifico desiderato, a recarsi presso uno sportello bancomat ed a farsi invece versare la somma di 3.499 euro.

Le altre persone truffate sono di Laurenzana, Melfi e Tolve.

Le vicende rappresentate costituiscono ulteriore occasione per invitare i cittadini, potenzialmente coinvolti in casi analoghi, a rivolgersi immediatamente alle Stazioni dell’Arma distribuite capillarmente nel potentino o a inviare segnalazioni al Numero Unico di Emergenza “112“, così da consentire di attuare investigazioni tempestive e risolutive in ordine a tali condotte delittuose, utili per poter risalire ai singoli autori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*