Migliorare la resistenza ai terremoti degli edifici presenti in cinque centri della Val d’Agri potrebbe avere un costo complessivo di circa 175 milioni di euro, attraverso un programma d’intervento sviluppato in dieci anni che “appare compatibile con le disponibilità derivanti dalle royalties” e che “consentirebbe di ridurre drasticamente i danni in caso di futuri terremoti coerenti con la pericolosità sismica naturale della zona”. E’ una delle conclusioni contenute nello studio Towards an action plan for the seismic risk mitigation of the residential building stock in Val d’Agri area, Italy” (Verso un piano d’azione per la mitigazione del rischio sismico del patrimonio edilizio residenziale della Val d’Agri), che sintetizza un’attività decennale sul tema della riduzione del rischio sismico.

Lo studio, realizzato dall’Università della Basilicata, è stato presentato dal professor Angelo Masi, ordinario di Tecnica delle Costruzioni, nel corso della 35^ Conferenza Internazionale della Società Sismologica Europea, che si è svolta a Trieste dal 4 al 10 settembre, con la partecipazione di 500 ricercatori provenienti da 50 diversi Paesi, 25 sessioni tematiche e oltre 600 lavori scientifici.

Angelo Masi

La Val d’Agrioltre ad essere una delle aree più sismiche della penisola – ha spiegato Masi – ha un ruolo strategico, poiché circa il 70% delle estrazioni petrolifere nazionali deriva dai suoi giacimenti. Negli ultimi anni, proprio le estrazioni petrolifere hanno indirizzato l’attenzione delle comunità su due questioni principali. Da un lato, il possibile impatto ambientale e, in particolare, la questione molto dibattuta di terremoti eventualmente indotti o innescati dalle estrazioni. Dall’altra parte, la possibilità che una parte delle rilevanti risorse provenienti dai canoni sulle attività di estrazione (royalties) possano essere utilizzate per l’attuazione di un vasto programma di riduzione della vulnerabilità delle strutture esistenti, programma che sia indirizzato, in primis, alla riduzione del rischio derivante dalla pericolosità sismica naturale e, di conseguenza, dalla eventuale sismicità indotta o innescata”.

Lo studio ha quindi proposto alcuni elementi di ordine tecnico ed economico per la definizione di un piano d’azione per la mitigazione del rischio sismico del patrimonio edilizio residenziale definendo costi necessari alla sua attuazione e tempi di realizzazione. Un’attenzione particolare è stata dedicata ai cinque centri più direttamente coinvolti nelle estrazioni e nell’attribuzione delle royalties, ossia Viggiano, Grumento Nova, Montemurro, Marsico Vetere e Marsico Nuovo. Sulla base di queste valutazioni è stata proposta una strategia per la riduzione del rischio sismico attraverso la realizzazione d’interventi per la riduzione della vulnerabilità sismica degli edifici residenziali con la definizione dei costi necessari, degli importi annui d’investimento e del cronoprogramma di attuazione.

– Chiara Di Miele –


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.