Il Raggruppamento Carabinieri Parco della Stazione di Pisciotta ha accertato la realizzazione di abusi edilizi nel territorio di Centola.

Si tratta di tre terrazzamenti con muri di contenimento di blocchi cementizi che vanno dagli 8 ai 22 metri di lunghezza e alti da 1,40 a 2 metri, spallette laterali per arginare un impluvio naturale di circa 22 metri di lunghezza e quasi un metro di altezza, in parte realizzato in calcestruzzo e in parte in blocchi cementizi, una soletta armata in calcestruzzo di 4 metri quadrati, movimenti di terra per circa 150 metri cubi, per la realizzazione dei terrazzamenti e la sistemazione dei terreni circostanti.

L’opera in questione è stata realizzata in un’area inserita in una zona di protezione del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, in assenza del necessario nulla osta da parte dell’Ente.

Ne è stata così ordinata la demolizione e il ripristino dello stato dei luoghi entro 90 giorni dalla data della notifica.

– Paola Federico –

Un commento

  1. Lombardi Pasquale says:

    Fate prima a dire che si può fare all’interno del parco tra un po’ non si deve respirare
    Poi succedono frane e degrado
    Parlare di sbloccare l’economia
    Intanto la gente mangia pane e parco
    Quando mi direte un solo vantaggio che ha portato il parco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*