Soccorrono una donna in fin di vita praticando la respirazione bocca a bocca ma non sanno che era infetta dal Covid. Così un intero condominio è finito in quarantena ad Agropoli.

La 67enne, colpita da ischemia, ha smesso di vivere nella giornata di ieri, ma il giorno prima era risultata contagiata dal virus che, a quanto pare, non avrebbe influito sulla sua morte.

Verso ora di pranzo si è sentita male, come si legge su “La Città di Salerno“, e nell’attesa dei sanitari del 118 i vicini di casa, ignari del contagio, hanno fatto di tutto per salvarla. Due di loro hanno anche praticato la respirazione bocca a bocca per strapparla alla morte.

A nulla, però, sono valsi i soccorsi dei condomini e dei sanitari del 118 che, giunti nel palazzo, hanno messo a conoscenza i vicini del contagio appreso dalla sventurata donna soltanto il giorno precedente.

Sul posto sono così giunti gli agenti della Polizia Municipale che hanno messo in quarantena l’intera palazzina in via Dante Alighieri e ben sette famiglie.

– Chiara Di Miele –

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano