Teggiano: riaperto campo da gioco “Marco Fusco” grazie ai lavori finanziati dalla Fondazione Monte Pruno



































Si è tenuta ieri la cerimonia di riapertura del campo da gioco in località San Marco di Teggiano dedicato a Marco Fusco, morto tempo fa.

La riattivazione del campetto è stata possibile grazie all’impegno della Parrocchia di San Marco Evangelista, del parroco don Vincenzo Gallo e della Fondazione Monte Pruno. I lavori hanno interessato la rete di protezione metallica su un lato della struttura.







La riapertura è la continuazione di una storia iniziata nel 1973 – sottolinea don Vincenzo Gallo – Da un colloquio dal barberie e da una confidenza è emersa la difficoltà che le famiglie hanno nel gestire i nostri beni. C’era un problema di sicurezza perché l’angolo dove c’è la rete era crollato. E’ doveroso sottolineare il senso di famiglia nel dedicare il campo a Marco Fusco, un senso forte di appartenenza”.

Sono contento di questa riapertura – dichiara il presidente della Fondazione Monte Pruno Michele AlbaneseDon Vincenzo insieme a Paolo D’Alvano hanno sottoposto al nostro Consiglio la realizzazione dei lavori. A noi all’inizio sembrava un lavoro impossibile e non immaginavamo venisse fuori una cosa così bella. Siamo fieri di fare questo per un Teggiano che per me è una seconda patria, sono cittadino onorario e ho cominciato qui l’attività più importante. Questo spazio servirà ai ragazzi che hanno voglia di condividere e di essere famiglia”.

Presente all’evento anche il primo cittadino Michele Di Candia che ha sottolineato come l’Amministrazione per un periodo ha avuto in comodato d’uso il campetto e si è occupata della manutenzione fino allo scadere del contratto.

La cerimonia si è conclusa con una partita di calcio tra ragazzi.

– Annamaria Lotierzo –

Teggiano: riaperto campo da gioco "Marco Fusco" grazie ai lavori finanziati dalla Fondazione Monte Pruno

Teggiano: riaperto campo da gioco "Marco Fusco" grazie ai lavori finanziati dalla Fondazione Monte Pruno

Pubblicato da Ondanews.it su Giovedì 4 luglio 2019

 





































Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*