“Chiedo scusa alla Città di Teggiano. Il paese non merita questo epilogo. Invito la cittadinanza, se può, a dimenticare tutto”.

Così l’ex sindaco di Teggiano Rocco Cimino ha aperto l’incontro con la stampa del gruppo “Rinnoviamo Diano”, all’indomani delle dimissioni di 7 consiglieri comunali e della caduta dell’amministrazione da lui retta.

“E’ stato un atto vile e vergognoso nei confronti della cittadinanza – sottolinea Cimino – Non avrei mai compiuto un’azione del genere se fossi stato consigliere di minoranza”.

“I tentativi di riconciliazione con il gruppo Insieme per Teggiano sono stati diversi ma infruttuosi. Mario Trezza aggiunge – in un’intervista ha dichiarato che i motivi della sfiducia sono riconducibili alla revoca delle deleghe, ai rapporti lacerati ed a inciuci con la minoranza.  Beh, i fatti hanno dimostrato che sono stati loro ad avere rapporti  con la minoranza. La richiesta di far gruppo è stata fatta al Segretario da un consigliere di minoranza. Mi viene da pensare che fosse una trappola ideata a tavolino. E comunque questi non rappresentano un valido motivo per far commissariare un Comune. Le regole che avevamo stabilito all’inizio sono cambiate in corso d’opera. Se le indennità le avessimo corrisposte – dichiara–  forse stasera non saremmo qui”.

Alla domanda “quanto sente sua la responsabilità per quanto accaduto”, l’ex primo cittadino risponde: “ogni mattina mi chiedevo se fossi in grado di svolgere il ruolo del sindaco. Sono solito domandarmi sempre se e dove ho sbagliato. E a Michele Di Candia, resuscitato dal letargo, rispondo che se come dice lui, il paese deve ripartire, deve farlo da dove? Da dove lui l’ha lasciato?”

Sul Commissario dice: “Amendola è una persona di alto profilo. I problemi ci saranno, le tasse aumenteranno. I Commissari non mangiano i bambini ma devono aumentare le imposte. Ci auguriamo che si vada a votare a giugno”.

In merito alle elezioni e ad una possibile nuova candidatura, Cimino, infine, sottolinea: “Il gruppo resterà unito. Se la gente vorrà, non mi tirerò indietro”.

– Cono D’Elia –


 

  • Articoli correlati

12/02/2016 – Teggiano: nominato il commissario prefettizio. Si tratta di Vincenzo Amendola

11/02/2016 – Caduta l’Amministrazione di Teggiano. Protocollate le dimissioni dei 7 consiglieri comunali


 

 

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano