Uno strano avvistamento ha caratterizzato il cielo del Vallo di Diano nel corso della trascorsa nottata.

Diverse sono infatti le persone che, intorno alle 3.30 e di ritorno dai locali in cui avevano appena trascorso il sabato sera, hanno notato casualmente il cielo solcato lentamente da uno strano oggetto con una lunga scia luminosa al seguito. La luce è stata avvistata per qualche minuto, in seguito è scomparsa al di là delle montagne.

Un simile avvistamento, all’incirca nello stesso orario, è stato fatto anche nei cieli di Latina, nel Lazio, e di Lucca, in Toscana.

Resta il dubbio sull’origine dell’oggetto volante e sulla sua natura. In tanti hanno pensato ai pezzi della stazione spaziale cinese Tiangong 1 il cui rientro sulla Terra è previsto nel periodo compreso fra il 28 marzo e il 4 aprile. La stazione fuori controllo dal 2016, secondo gli esperti che la seguono, dovrebbe colpire una zona dell’emisfero settentrionale del nostro pianeta in una stretta fascia intorno alle latitudini di 43 gradi Nord e Sud in cui è compreso anche il Meridione d’Italia. Gli scienziati però rassicurano che anche nelle aree ad alto rischio la possibilità di essere colpiti dai pezzi della Tiangong 1 è circa 1 milione di volte inferiore alle probabilità di vincere alla lotteria.

Secondo gli esperti, inoltre, è facile osservare in cielo l’accendersi improvviso di un punto luminoso, che si muove molto velocemente lasciando una scia luminosa. In quel caso si è stati spettatori dell’ingresso nell’atmosfera di un meteorite, le cui dimensioni sono variabili e determinano l’intensità luminosa del fenomeno.

– Chiara Di Miele –

[fbvideo link=”https://www.facebook.com/ondanews.it/videos/961490487362001/” width=”650″ height=”450″ onlyvideo=”1″]

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano