Si è svolto in mattinata, presso il Palazzo della Prefettura di Salerno, un incontro operativo volto ad attuare “L’accordo organizzativo per la sicurezza nei cantieri e il contrasto al lavoro nero”, sottoscritto lo scorso 8 luglio tra Prefettura di Salerno, Ispettorato Territoriale del Lavoro, Azienda Sanitaria Locale, Direzioni Provinciali di INPS e INAIL, Associazione Costruttori Edili (ANCE), ANCI Campania, Cassa Edile, Ordini professionali di Ingegneri, Architetti e Geometri, Organizzazioni sindacali di categoria Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea-Cgil e, per adesione, Questura, Comando provinciale dei Carabinieri, Comando provinciale della Guardia di Finanza.

L’oggetto della riunione, a cui erano presenti il Prefetto Francesco Russo e i rappresentanti di Ispettorato Territoriale del Lavoro, Azienda Sanitaria Locale, Associazione Costruttori Edili di Salerno (ANCE), Cassa Edile Salernitana e degli Ordini professionali di Ingegneri, Architetti e Geometri, è stato la presentazione della piattaforma telematica S.I.N.O.P. (Sistema Inserimento Notifiche Preliminari).

La piattaforma web, sviluppata da una software-house messa a disposizione dalla Cassa Edile Salernitana e dedicata al comparto edile, consente di rendere pubbliche le informazioni relative ai cantieri pubblici e privati, creando in tal modo un database utile per gli organi di controllo e gestione.

Il sistema, a partire dallo scambio di denunce di inizio attività, fino al controllo dei Durc, attraverso anche la verifica della congruità della manodopera, permetterà ai committenti, tecnici, enti istituzionali ed imprese di inoltrare la notifica preliminare dei cantieri direttamente via web. Sarà così possibile conoscere in tempo reale le notifiche preliminari e, attraverso l’incrocio dei dati gestionali delle imprese, si potrà accedere ai collegamenti con i cantieri e alle banche dati utili per effettuare concreti controlli, consentendo di inserire in un unico contenitore telematico tutti i cantieri, sia pubblici che privati, sul territorio della provincia di Salerno.

L’avvio della piattaforma S.I.N.O.P. consente di fare un importante passo operativo verso l’obiettivo di mettere in campo azioni concrete per la tutela della sicurezza del lavoro, il contrasto al “sommerso” e allo sfruttamento nel comparto edile. Contemporaneamente è altrettanto necessario avviare un meccanismo virtuoso di prevenzione e formazione che sarà sviluppato, grazie al supporto della Regione Campania e di Anci Campania, con le Polizie Municipali dei Comuni, gli Ordini professionali e gli Enti paritetici (Ente Scuola Edile e CPT Salerno).

L’accordo siglato lo scorso luglio prevedeva uno sviluppo sinergico di interventi, che si rendono ormai ancora più indispensabili alla luce dei tragici incidenti che, purtroppo, continuano a verificarsi dal Nord al Sud della Penisola e che non hanno risparmiato neppure la provincia di Salerno.

Sul delicatissimo tema della sicurezza sui luoghi di lavoro vi è la massima attenzione della Prefettura e delle Istituzioni coinvolte a diverso titolo, che si stanno adoperando in più direzioni. Ne è testimonianza il recentissimo intervento di una settimana fa, che ha visto operare insieme sul campo l’Ispettorato Provinciale del Lavoro e il Comando Provinciale dei Carabinieri che hanno ispezionato e sanzionato nel comune capoluogo aziende del settore costruzioni con lavori concessi in subappalto.

Il comparto edile è in ripresa e  sta crescendo notevolmente grazie al volano dell’atteso PNRR e agli incentivi del Superbonus 110%, vede la necessità di affermare la legalità a 360 gradi, e ciò è consentito dalle azioni che si stanno sviluppando. Infatti, “è altrettanto necessario agire in parallelo – afferma il Prefetto Russo – anche attraverso un rafforzamento dei tentativi di infiltrazione criminale nelle imprese del settore edilizio e dei loro fornitori e subappaltatori, in linea con quanto espresso nel Protocollo di legalità firmato lo scorso agosto dal Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese proprio con ANCE”.

Nel corso delle prossime settimane proseguiranno gli incontri con tutte le istituzioni e gli attori coinvolti per mettere in campo ulteriori e fattive azioni che consentano di tracciare una strada per contrastare efficacemente il lavoro in nero e l’infiltrazione della criminalità nel settore delle costruzioni incrementandone, nel contempo, la sicurezza a tutela dei lavoratori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano