http://farm5.staticflickr.com/4267/34744265222_af9e5edcb8_o.jpgDopo la protesta i cittadini di Cicerale, Giungano e comuni limitrofi ieri hanno assistito alla chiusura del campo di accoglienza predisposto in una fabbrica dismessa nella zona industriale di Cicerale.

La notizia dell’apertura di un centro di smistamento dove ospitare temporaneamente 300 immigrati, in attesa di essere trasferiti altrove, aveva destato malcontento nei cittadini, che sono scesi in piazza a manifestare.

Venerdì il Sindaco di Cicerale, Francesco Carpinelli ha emesso un’ordinanza di sgombero immediato della fabbrica dismessa, in seguito a un sopralluogo effettuato dal tecnico comunale e dal personale della polizia municipale che accerta la carenza di condizioni igienico-sanitarie, pulizia e sanificazione degli ambienti, trattandosi di un capannone industriale privo di impianti di tipo civile e di allaccio fognario.










“Ho trasmesso l’ordinanza alla Prefettura di Salerno, ai proprietari dello stabile e ai Carabinieri della Stazione di Ogliastro Cilento, che sono giunti nella zona industriale per accertarsi dello sgombero – dichiara Carpinelli- Non ho avuto alcuna comunicazione dalla Prefettura di Salerno, ma ieri sono arrivati molti mezzi che hanno provveduto a portare via reti e materassi e la fabbrica è stata chiusa”.

-Rosanna Raimondo –


  • Articolo correlato:

26/5/2017 – Allestito campo di accoglienza per migranti nel Cilento. Cittadini in protesta

3 Commenti

  1. Giovanni says:

    Fanno arrivare questa povera gente per uno scopo ben preciso , sfruttare fondi europei , è fornire manodopera a basso costo , vergognatevi .

    • annamaria says:

      per quanto riguarda lo sfruttamento dei fondi europei, ti posso dare ragione. Ma ricorda che una parte di questi fondi, li paghiamo noi italiani con le tasse accollateci dallo stato. Per ciò che riguarda la sfruttamento per manodopera a basso costo, ti dico che questi immigrati non hanno nessuna voglia di lavorare. Preferiscono passeggiare, per il mio paese, con auricolari nelle orecchie e cellulari in mano. Altro che loro sfruttamento. Qui gli sfruttati, per mantenere gli immigrati nel benessere, siamo noi italiani. Quando scrivi, vuoi ragionare prima sul significato reale delle tue parole e della realtà in cui viviamo in Italia?

  2. Angelo SALA CONSILINA says:

    Vittoria!!!!!!!!
    10…100….1000 CICERALE

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*