Antonio Coiro e Dino Fiore Volentini, sindaci rispettivamente di Sant’Arsenio e Montesano sulla Marcellana, sono i protagonisti del primo appuntamento legato  all’approfondimento ed al confronto delle opinioni dei primi cittadini del Vallo di Diano. Sei domande secche relative a temi diversi ma sempre attuali. Ogni articolo presenterà il pensiero di due sindaci.

Ecco le risposte alle nostre domande di Antonio Coiro (Sant’Arsenio) e Dino Fiore Volentini (Montesano sulla Marcellana)

  •  Città Vallo o Grande Lucania?

– Coiro: Non sono contrario ma molto dubbioso su entrambe. Per quanto riguarda la Città Vallo, i tempi di realizzazione sarebbero molto lunghi. Bisogna puntare su altro

– Fiore Volentini: Grande Lucania

  • Parco si o Parco no?

– Coiro: Parco si, ma è necessaria la riperimetrazione. Troppi vincoli e si dovrebbero cambiare le regole

– Fiore Volentini: Parco si, purchè funzioni e non sia un carrozzone per politici trombati

  • Ferrovia o Tribunale? (se si potesse ripristinare una delle due cose)

– Coiro: Il tribunale per motivi pratici, la ferrovia per ragioni concettuali

– Fiore Volentini: Ferrovia e Tribunale preferibilmente

  • Regione o Provincia? (di quale si potrebbe fare a meno)

– Coiro: Si potrebbe fare a meno più della Regione che della Provincia. E’ un organo significativo in Basilicata, ma noi siamo troppo distanti dai centri decisionali

– Fiore Volentini: Solo Regione con poteri solo di programmazione e Province abolite seriamente

  • Natura o Arte? (privilegiare il turismo ambientale o quello storico-artistico?)

Coiro: Entrambi. E’impossibile scegliere

Fiore Volentini: Natura ed arte non possono ma devono convivere

  •  Immigrati si o Immigrati no?

Coiro: Immigrazione regolata si

Fiore Volentini: Immigrati si, integrati ed in condizioni di maggior decoro

– Cono D’Elia –


  •  Articolo correlato

14/05/2015 – Ferrovia o tribunale, Regione o Provincia, Parco sì o Parco no? Sei domande secche ai sindaci del Vallo


 

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano