Durante controlli in occasione dello svolgimento del mercato settimanale a Battipaglia, personale della Polizia di Stato appartenente al Commissariato di Pubblica Sicurezza di Battipaglia ha denunciato 3 persone, di origine senegalese, per il reato di contraffazione, alterazione o uso di marchi o segni distintivi, ovvero di brevetti, modelli e disegni.

Gli stranieri sono stati identificati come A. S., 37enne regolare sul territorio italiano e munito di permesso di soggiorno, Y. S., 42enne regolare sul territorio italiano e munito di permesso di soggiorno, e I. B., 49enne irregolare sul territorio italiano ed inosservante ad un precedente decreto di espulsione.

Da un controllo in banca dati, sono emersi a carico di A.S. e I. B. pregiudizi specifici in merito all’introduzione nel territorio dello Stato di prodotti con segni falsi e per ricettazione. A seguito del controllo, A. S. è stato ritrovato con 2 giubbotti, 2 borse, 27 paia di scarpe di varie marche e colori, griffati, presumibilmente contraffatti e di illecita provenienza, mentre nella disponibilità di Y.S. sono stati ritrovati e sequestrati 6 borse ed un borsellino di vari colori e marche ed infine, ed infine ad I. B. sono stati ritrovati e sequestrati 65 borse e 46 borsette e borsellini di vari colori e marche.

Un quarto cittadino extracomunitario, in occasione dell’intervento della Polizia, è riuscito a fuggire, disperdendosi tra la folla ed abbandonando la merce esposta, consistente in 41 orologi di vari merchi, tutti recuperati dai poliziotti.

I tre senegalesi sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria. L’intera merce è stata sequestrata.

Nei confronti di I. B. è stato emesso un nuovo Decreto prefettizio di espulsione e l’extracomunitario è stato munito di Ordine del Questore di lasciare il territorio dello stato entro 7 giorni.

– Paola Federico –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano