Il Direttore Generale dell’Asl di Salerno, Antonio Giordano, ha disposto l’immediata sospensione temporanea dall’incarico e dalla funzione di primario del Reparto di Ginecologia dell’Ospedale di Sapri, Bruno Torsiello, indagato dalla Procura di Lagonegro nell’ambito di un’indagine condotta dalla Guardia di Finanza su aborti illegali eseguiti, secondo l’accusa, nell’ospedale saprese utilizzando false certificazioni.

L’assistente del medico, l’ostetrica Rosa Vomero, anche lei indagata, è stata trasferita presso il distretto di Sapri, dove il direttore provvederà ad idonea collocazione funzionale.

Secondo le indagini, il medico, senza emettere le ricevute fiscali delle prestazioni professionali che eseguiva in regime di intramoenia all’interno dell’ospedale, avrebbe incassato la somma di 40mila euro. Da qui l’ipotesi di peculato formulata dalla Guardia di Finanza, che hanno rivolto la loro attenzione anche sulle date di rilascio di alcune certificazioni per l’interruzione volontaria della gravidanza.

Parallelamente all’indagine della magistratura l’Asl, giovedì scorso, ha incaricato una Commissione di eseguire delle indagini interne.

– Filomena Chiappardo –


  • Articoli correlati

16/08/2016 – Sapri: scoperto sistema di false certificazioni per aborti illegali

18/08/2016 – Sapri: aborti illegali e peculato, indagini in corso da parte dell’Asl


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*