Con tre ordinanze emesse dall’Area Edilizia Privata – Urbanistica, l’amministrazione comunale di Sanza guidata dal sindaco Francesco Di Mieri ha avviato la procedura per lo sgombero di tre famiglie da altrettanti alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica.

Il motivo è dovuto all’occupazione fittizia degli alloggi da parte dei destinatari del provvedimento. Infatti stando a quanto riportato nelle ordinanze, le persone in questione non occupavano stabilmente gli immobili in quanto non abitavano stabilmente nell’alloggio. Questo è quanto emerso in seguito ai sopralluoghi effettuati dagli agenti della Polizia Municipale presso gli alloggi ubicati nelle palazzine in località san Vito.

La richiesta di attivazione della procedura di sgombero è arrivata nei mesi scorsi da parte dell’Istituto Autonomo per le Case Popolari della provincia di Salerno. In seguito all’avvio della procedura le tre persone destinatarie del provvedimento di sgombero hanno presentato le proprie controdeduzioni per tentare di interrompere il procedimento. Le motivazioni addotte però non sono state ritenute sufficienti. Ora i destinatari dell’ordinanza hanno 60 giorni di tempo per presentare ricorso al TAR altrimenti entro lo stesso termine dovranno provvedere alla riconsegna delle chiavi di accesso all’Istituto Autonomo Case Popolari di Salerno o al Comando di Polizia Municipale di Sanza. In caso di inottemperanza sarà disposto lo sgombero coattivo.

– Erminio Cioffi –


 

Un commento

  1. giovanna says:

    Attenzione agli alloggi popolari! Sono pieni di gente che non li merita! Controlli a tappeto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*