Ha una visione e una missione Vincenzo De Luca: traghettare Salerno verso il futuro. Una città nuova, accogliente, votata al turismo. Per necessità. Del resto lui, fautore di opere più o meno compiute che ridisegneranno Salerno, con Luci d’Artista ha fatto centro.

“Questo evento – ha sottolineato all’accensione – ha tra gli obiettivi fondamentali quello di creare lavoro. Quando in una città si portano 2 milioni di ospiti in due mesi, si riversano sull’economia locale più di 20 milioni di euro. Sin da ora abbiamo alberghi pieni fino in Cilento”.

Se la connotazione natalizia è ormai riconosciuta a livello internazionale, la sfida è ora aprirsi al turismo balneare, ridefinendo tutto il fronte del mare. Unica fonte di salvezza. Salerno non era un attrattore turistico, ce lo siamo inventati – ha detto il presidente De Luca – Chi viene per le luci, poi ci ritorna. Il turismo è il nostro futuro. Salerno sarà come Nizza“.

Insomma, nei piani ci sarebbe la ridefinizione dell’arenile di tutta la città così da assomigliare a quello della Costa Azzura. Come accaduto per la spiaggia di Santa Teresa, detta “Salifornia”, riqualificata lo scorso anno e divenuta popoloso punto aggregativo.

– Gianpaolo D’Elia –


  • Leggi anche:

Salerno: al via “Luci d’Artista” alla presenza di Vincenzo De Luca e Rocco Papaleo


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.