7 thoughts on “Sala Consilina: “Marò, comunisti e forni crematori”. Non luogo a procedere per Michele Santoriello

  1. Oltre al dire….(e niente fusse)…si può fare di tutto….in questo bella nazione che ha perso identità orgoglio e tradizione. ..

  2. Ahhh. ..e se invece io dicessi che gli extracomunitari sono privilegiati in italia rispetto agli Italiani? … sarebbe politicamente scorretto?…NO!!!!!!!Starei dicendo solo la verità dei fatti. …Piaccia o meno…la vostra democrazia è anche questa!!
    La stessa democrazia che permette di tollerare lo SCHIFO che tutti i giorni assistiamo nelle nostre città. …E allora smettetela..non e così che vi guadagnate il Paradiso. ..

  3. Non può dire quello che pensa perchè ricopre una carica istituzionale e deve attenersi ad un comportamento etico.Se pensa certe cose se le tenesse per sè

  4. Ogni tanto qualche sentenza Giusta. ….MICHELE ….COMPLIMENTI. …E comunque I veri razzisti sono chi abbandona due soldati italiani in India. .. ITALIA agli ITALIANI. …

  5. in un paese come il nostro purtoppo si può dire di tutto e di più basta che non ci siano gli estremi per procedere legalmente,tutto ciò non assolve questo signore al giudizio delle persone civili,sopratutto da chi non cita come esempi da seguire le azioni dei criminali della risma di hitler,sicuramente il signore in questione parlava di argomenti da lui non conosciuti.

  6. “Il fatto non costituisce reato” per la Magistratura. Nulla quaestio! Ma sotto il profilo etico e politico è accettabile un’espressione del genere? Una persona che occupa posto istituzionale può esprimersi con quelle parole? Aggiungo, merita rispetto un tale soggetto?

Comments are closed.