Consorzio bonifica consiglio 07-03-19 Consorzio bonifica consiglio 07-03-19 2

Si è svolto ieri a Sala Consilina la seduta di Consiglio del Consorzio di Bonifica Vallo di Diano e Tanagro, che ha avuto la trattazione di diversi punti all’ordine del giorno, tra cui il regolamento sulla distribuzione idrica nel territorio, rimandato a una seduta successiva, l’introduzione della tariffa binomia in sostituzione di quella monomia e, infine, l’analisi delle criticità del fiume Calore.

Punto centrale è stata la condizione del fiume Calore, il cui stato di incuria desta preoccupazione nei casi di avversità meteorologiche.

Con delibera n. 16 del 9 febbraio 2019 abbiamo messo in evidenza tutte le principali criticità del fiume Calore – ha evidenziato il presidente Beniamino Curcioe l’abbiamo sottoposta all’attenzione dei Comuni, alla Riserva Foce Sele-Tanagro e, soprattutto, alla Regione Campania perchè il nostro intento è che l’Ente regionale, che detiene la custodia del corso d’acqua, assuma la consapevolezza della situazione critica del fiume Calore. Al Consorzio non è attribuita la competenza specifica, sebbene possa effettuare interventi di sommaria urgenza sul territorio“.

Il Consorzio di Bonifica ha quindi chiesto formalmente alla Regione di “convocare un tavolo tecnico – ha sottolineato Curcio – e abbiamo inoltre chiesto ai Comuni e alla Comunità Montana di produrre un atto deliberativo simile al nostro per conferire maggiore incisività all’iniziativa“.

Il tavolo tecnico si rende indispensabile, per il presidente del Consorzio “per stabilire quali tipi di interventi sono quelli più urgenti, da effettuare con immediatezza. La salvaguardia del territorio e dei cittadini è di primaria importanza ed è quindi indispensabile un’azione di prevenzione“.

– Maria De Paola –

 

Un commento

  1. Sono senza commenti……. Si parla di giovani di rinnovamento……. I giovani che rivendicano i propri diritti…… dovrebbero essere loro imparziali…… Alla fine tutto è asservito al potere (pseudo potere vecchio). A voi le riflessioni.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*