Per un ulteriore approfondimento l’ASL Salerno ha precisato oggi che il lotto n. ABV 2856 Astrazeneca è stato sospeso e ritirato da tutti i punti vaccinali.

L’Azienda informa, inoltre, che a seguito di indicazioni regionali, momentaneamente non sarà utilizzato il lotto ABV 6096 e che il non utilizzo momentaneo è stato previsto a mero titolo precauzionale e per il momento strettamente necessario al completamento degli esami della campionatura da parte dell’Istituto Superiore di Sanità.

L’ASL ribadisce che restano confermate le attività vaccinali destinate al personale scolastico, alle forze dell’ordine e alle altre categorie previste con gli altri lotti di Astrazeneca presenti in azienda.

La situazione è costantemente monitorata, l’Azienda renderà noti ulteriori aggiornamenti in tempo reale” fanno sapere dall’ASL.

Presso i punti vaccinali dell’Asl Salerno sono proseguite per tutta la giornata le attività di vaccinazione con i lotti disponibili di vaccino Astrazeneca, dopo il blocco dei due lotti da parte della Regione.

Oggi sono state vaccinate 1114 persone, dato che ha fatto registrare una flessione impercettibile rispetto alle precedenti giornate, segno che i protocolli di sicurezza adottati e le rassicurazioni dell’Asl hanno prodotto nei cittadini il giusto clima di fiducia. Il lotto ABV 2856, per il quale era stato disposto il ritiro, non è più presente in Azienda. I Nas hanno ritirato le 4180 dosi che l’Asl aveva ancora disponibili, mentre 14.000 dosi erano già state somministrate alla popolazione nella settimana scorsa e per i quali non è stata rilevata alcuna reazione avversa. Del lotto bloccato dalla Regione ABV 6096, 4.000 dosi sono stoccate ad Eboli e altre 3.000 dosi distribuite nei vari centri dell’Asl. Il non utilizzo di tale lotto è momentaneo e precauzionale. Sono ancora disponibili, infine, 5.000 dosi di vaccino Pfizer. Le riserva di cui l’Asl è dotata permetteranno di proseguire regolarmente le attività di vaccinazione nei prossimi giorni, in massima sicurezza e in continuo monitoraggio della situazione.

– Chiara Di Miele –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*