La Segreteria Provinciale Fials Salerno scrive al Direttore Generale e a quello Sanitario dell’ASL Salerno, al Direttore Sanitario dell’ospedale di Polla e al sindaco di Polla per esprimere grandissima preoccupazione in merito alle difficoltà che si stanno verificando in seguito ai ritardi degli esiti dei tamponi effettuati al personale del “Luigi Curto” e ai pazienti che giungono al Pronto Soccorso o che sono attualmente ricoverati.

I numerosi tamponi eseguiti in tale Presidio – spiegano – sono da giorni in attesa di essere processati e tale ritardo sta portando a notevoli e gravi conseguenze nella prevenzione della diffusione del virus Covid-19, questo sia sulla popolazione che sul personale sanitario dipendente. Tale situazione sta realmente mettendo a repentaglio tutta l’assistenza in quanto i pazienti in attesa di
tampone vengono ricoverati nelle stanze d’isolamento per un tempo che dipende dall’arrivo del referto stesso. Ad oggi le stanze d’isolamento sono praticamente tutte occupate, in quanto da circa una settimana non giungono i referti tanto attesi e, pertanto, si denota un vero e proprio rallentamento dell’ordinario processo assistenziale di cura“.

La Fials chiede che l’ospedale di Polla venga dotato di un’apparecchiatura per lo scranning dei tamponi e che venga immediatamente dato riscontro ai tamponi effettuati.

– Chiara Di Miele –

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano