Riapre la Cappella della Madonna del Monte a Sala Consilina. Inaugurate e benedette le prime opere







































E’ stata riaperta ieri pomeriggio, in occasione del Santo Natale, la piccola Cappella della Madonna del Monte situata nel centro storico di Sala Consilina in via Mario Pagano. L’evento è stato curato dal Comitato di Quartiere Madonna del Monte nato da pochi mesi con lo scopo di sensibilizzare sul recupero architettonico e sulla valorizzazione degli spazi adiacenti alla chiesetta.

Il tutto è cominciato con la celebrazione della Messa officiata dal parroco don Luciano La Peruta a cui è seguita l’inaugurazione e la benedizione delle prime opere. Sono stati completati i lavori nel giardino dove si è provveduto, grazie all’impegno degli operai della Comunità Montana, dell’Amministrazione comunale, dell’architetto Francesco Bisceglie e del professor Vincenzo Rivellese, a rifare i gradini e la staccionata in legno. Sono stati anche piantati quattro alberi di frutti antichi donati dal professor Mimmo Calicchio e dal figlio Michele.









Sono stati inaugurati la bacheca in ferro futura voce del quartiere, il numero civico e i loghi del Comitato, le nuove ante delle finestre, le maioliche con su scritto il nome degli alberi in italiano e nel dialetto salese. Le opere sono state realizzate con il contributo degli artigiani locali e degli artigiani del Laboratorio Staveco di Bologna. La targa affissa esternamente con alcune notizie riguardanti la Cappella è stata donata da Giuseppe Scialò.

Quando una comunità inizia a rivivere alcuni attaccamenti alla tradizione e al luogo in cui si vive penso sia qualcosa di positivo – dichiara don Luciano – Nasce la collaborazione e nasce di nuovo la vitalità, risorge un quartiere che poteva sembrare isolato ma che ora è diventato cuore di un cammino di fede. Anche l’idea di incontrarci mensilmente intorno a questa chiesa, ci sprona come comunità parrocchiale ad interrogarci sul senso della comunione, della fraternità e della crescita comune”.

Durante la pulizia della soffitta è stato ritrovato l’antico presepe allestito ora sotto il porticato del giardino.

Abbiamo rinnovato il luogo e abbiamo messo anche delle luci natalizie per abbellire ancora di più la nostra chiesa – commenta Carmelo Ragone, uno dei membri del Comitato – Abbiamo molti eventi in programma per il Natale e tra questi c’è l’inaugurazione ufficiale dell’antico presepe. L’allestimento del presepe ha visto la collaborazione di tutto il quartiere”.

Ora si pensa ad un intervento strutturale della chiesa con il rifacimento della copertura e della facciata oltre al recupero dell’antico organo a canne.

– Annamaria Lotierzo –





































Un commento

  1. lucia imparato says:

    Bravi tutti, perché la nostra storia e la nostra cultura non muoia con noi, coinvolgete le scuole ed i giovani

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*