L’aumento esponenziale dei contagi da Covid-19 nella nostra terra è palese oramai in queste festività natalizie, soprattutto tra le giovani generazioni e non solo. Dopo le feste i positivi potrebbero ancora incrementarsi, questo impone un atteggiamento precauzionale nei luoghi più delicati e critici da gestire, quali sono le scuole. Su esse si riverserà, ancora una volta, la necessità di tracciamento e precauzione, oltre che quella di rendere sempre più sicuri e adeguati gli spazi dove migliaia di nostre figli e figlie passano più ore insieme durante la giornata”. E’ quanto dichiara il consigliere regionale della Basilicata, Luca Braia.

Ben venga che si siano avviate e rafforzate le campagne vaccinali – prosegue Braia – per la fascia 5-11 anni nella nostra regione, con appuntamento dedicato alle dosi pediatriche. Sicuramente, però, non possiamo cullarci di avere le terapie intensive ben sotto la soglia di rischio (certo non è questo il merito della Regione), perché non può certo bastare per stare tranquilli dal momento che, nell’ultima settimana, siamo tra le regioni con il tasso di crescita contagi più alto in Italia. Appoggiamo pertanto e siamo al fianco di quanto richiesto, con una nota inviata al Presidente Bardi, da parte dell’Anci Basilicata, a firma dei sindaci lucani. Occorre comprendere e conoscere entro la giornata del 3 gennaio eventuali decisioni di competenza della Regione Basilicata relative al posticipo a lunedì 10 gennaio della ripresa delle attività scolastiche di ogni ordine e grado. Occorre mettere in campo uno sforzo di screening notevole ma necessario, coordinato e capillare. Non lasciando soli i sindaci nell’affrontare il rientro delle scuole”.

Per Braia occorre agire in sinergia, in accordo con i vari Comuni della Basilicata che già hanno programmato uno screening locale, verificare le singole responsabilità, anche e soprattutto nei capoluoghi Potenza e Matera e nei comuni più grandi, con decisioni e disposizioni utili a limitare il contagio da una parte, a conoscerne dati aggiornati rispetto alla scuola, i cui tracciamenti si sono fermati al 24 dicembre, a favorire le campagne vaccinali di giovani e giovanissimi. In attesa che il Consiglio dei Ministri decida sul vaccino obbligatorio sui luoghi di lavoro, già adottato per il personale sanitario, scolastico e per le Forze dell’Ordine, secondo il consigliere regionale la Regione “deve organizzarsi al meglio per garantire la ripresa della scuola in presenza, per quanto possibile. Per noi di Italia Viva non ha più senso rinviare l’obbligo vaccinale generale, non solo sui luoghi di lavoro. La più efficace arma di contrasto al Covid-19 sono proprio i vaccini, i non vaccinati sono l’ostacolo più grande all’uscita dall’emergenza. Lo Stato, a nostro avviso, deve assumersi la responsabilità di imporre l’obbligo vaccinale“.

La riapertura delle scuole da calendario scolastico regionale, in Basilicata, è prevista per il 7 gennaio. Braia ritiene che sarebbe opportuno approfittare del fine settimana che va dall’Epifania a domenica 9 gennaio e, alla luce del quadro epidemiologico in costante evoluzione, programmare e organizzare con una logistica capillare, avvalendosi magari dell’Esercito, uno screening per tutta la popolazione scolastica della Basilicata. Chiaramente con un’ordinanza apposita che rinvia di qualche giorno la ripresa delle attività per tutti non prima del 10 gennaio e non senza avere i dati da questo campione rilevante di popolazione che si aggiunge a riprendere a fare lezione in presenza.

La Regione dovrà – conclude l’esponente di Italia Viva – anche impegnarsi affinché le strutture sanitarie regionali possano essere attivate in tempo e con adeguato personale per assicurare che una tale diffusa campagna di screening nei territori con test antigenici rivolti alle studentesse e agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado possa andare di pari passo alla campagna vaccinale. Prima di dotare le scuole lucane della ventilazione meccanica controllata, come annunciato dal Presidente Bardi, occorre non abbassare la guardia sulla organizzazione sanitaria a vari livelli, così da poter garantire il ritorno in aula alle alunne e agli alunni di Basilicata”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano