Il Tribunale civile di Napoli ha rigettato il reclamo contro la decisione del Tribunale di sospendere gli effetti della Legge Severino nei confronti del Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

L’istanza era stata presentata contro la decisione di non applicare la sospensione dalla carica di Governatore prevista dalla Severino e dovuta alla condanna in primo grado per abuso d’ufficio che pende su De Luca. Il reclamo era stato firmato e presentato da un gruppo di consiglieri regionali uscenti di Forza Italia, tra cui l’ex presidente del Consiglio regionale Pietro Foglia.

Lo stesso reclamo era stato accolto dalla Procura, attraverso il pm Emilia Galante Sorrentino, in un’udienza dello scorso 12 agosto.

Il Presidente De Luca era stato sospeso per effetto della Severino ma, in seguito alla presentazione del ricorso d’urgenza avverso la decisione, nel mese di luglio la prima sezione civile del Tribunale di Napoli aveva disposto la sospensiva della sospensione, permettendo al Governatore di insediarsi a Palazzo Santa Lucia. Proprio in seguito alla sospensiva della sospensione i consiglieri di Forza Italia avevano deciso di presentare il reclamo.

I consiglieri firmatari affermavano, tra le altre cose, il rigore con cui la magistratura ha applicato la Severino in altri casi e il fatto di aver “ritenuto di poter fare un’eccezione per Vincenzo De Luca al quale, nonostante la condanna ricevuta, consente di poter governare la Regione Campania“.

– Chiara Di Miele –


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*