L’appuntamento con il referendum costituzionale del 4 dicembre si avvicina e con esso si intensificano le iniziative a favore di una o dell’altra posizione. Abbiamo interpellato i sindaci del Vallo di Diano per capire se voteranno SI o NO. Ecco i risultati e le motivazioni esposte da alcuni primi cittadini:

  •  Pasquale Iuzzolino (Atena Lucana): INDECISO
  • Attilio Romano (Casalbuono): SI Non è la migliore riforma possibile, ma è un passo in avanti rispetto al passato. Il nuovo Senato non mi convince, ma ci sono altri aspetti che rappresentano un fatto positivo”
  • Raffaele Accetta (Monte San Giacomo): SI “Voto SI non perché soddisfatto della proposta, ma perché Renzi é stato l’unico in grado di raggiungere questo traguardo. Gli esponenti politici che oggi sostengono il No, hanno fallito”
  • Giuseppe Rinaldi (Montesano): NO Voto NO per 2 ragioni su tutte: il ‘nuovo’ Senato non potrà essere votato liberamente e sarà l’ennesima platea di nominati. E poi la riforma accentra i poteri a Roma, limitando le competenze delle Regioni e sfavorendo così i territori periferici, come il nostro”
  • Paolo Imparato (Padula): SI “Voto SI per appartenenza politica, ma anche perché la riforma, pur non essendo perfetta, rappresenta un importante punto di partenza, frutto di una condivisione di intenti tra diversi esponenti politici”
  • Michele Caggiano (Pertosa): PIU’ SI CHE NO “Propendo per il SI, ma ancora non ho deciso. Intendo approfondire la questione negli aspetti pratici, non limitandomi a quelli politici”
  • Rocco Giuliano (Polla): NO “La proposta di Renzi non è credibile. Non è necessario modificare la Costituzione per raggiungere gli obiettivi che lui intende perseguire”
  • Francesco Cavallone (Sala Consilina): NO “Ho deciso di votare NO dopo aver ascoltato l’on.Migliore a Teggiano. E’ una decisione che va al di là degli aspetti di merito del referendum. Nel Partito si registra una deriva autoritaria a cui sono poco incline, così come sono poco propenso a subire regimi dittatoriali”
  • Francesco De Mieri (Sanza): INDECISO
  • Domenico Quaranta (S.Pietro al Tanagro): SI “Il quesito presenta limiti di intervento, ma propendo per il SI. Il referendum ha assunto connotati tali per cui la vittoria del NO lascerebbe intendere che l’Italia si è privata di qualsiasi coraggio di riformare”
  • Michele Marmo (San Rufo): PIÙ SI CHE NO “La riforma presenta delle cose buone, mentre altre sono discutibili”
  • Antonio Coiro (Sant’Arsenio): INTENZIONE DI VOTO NON MANIFESTATA Ho un’idea chiara, ma preferisco non manifestarla, per non condizionare l’elettorato santarsenese”
  • Tommaso Pelegrino (Sassano): SI “E’ un passo avanti per il Paese e per lo snellimento burocratico. Non possiamo permetterci di restar fuori dalla fase di modernizzazione. Chi pensa ai propri figli, non può non votare si”
  • Michele Di Candia (Teggiano): SI

Il bilancio finale è di 6 SI, 3 NO2 “Più si che no”, 2 indecisi,  ed un voto non rivelato.

– Cono D’Elia –


 

 

 

 

 

 

4 Commenti

  1. Se fossi indeciso, leggendo queste motivazioni, opterei senza dubbio per il No!
    Forse è il sindaco di Padula è il più sincero. Per appartenenza. Mentre quello di Pola la migliore.
    È vero, chi ama i propri figli, {futuri Balilla, esagero nè), non può che votare si.
    Buona sera e scusatemi

  2. c’è una terza possibilità…non voto

  3. Un sindaco ché dice apertamente che non deciderà nel merito ma per questioni politiche sulla costituzione per me è una cosa gravissima… Qui si parla di una materia che riguarda tutti noi e il futuro di questo paese… Bah

  4. Indecisi potrei anche accettarlo, ma il Sindaco che non vuol condizionare i suoi concittadini che politico è ?????? un semplice burocrate.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*