Il Questore di Salerno Pasquale Errico, questa mattina presso la sede della Questura di Salerno ha illustrato il bilancio positivo delle attività svolte dalla Polizia di Stato durante l’anno 2017.

“A Salerno è presente un ordine pubblico che si mantiene nei limiti della legalità. Il bilancio delle attività svolte nel 2017 a Salerno e provincia è positivo: in città sono diminuiti i furti in esercizi commerciali, scippi, rapine e truffe, mentre si è verificato un aumento dei furti in abitazioni. Invece nella provincia di Salerno vi è stato un calo di circa il 10% dei furti nelle abitazioni, un calo dei furti negli esercizi commerciali e di truffe, ma un lieve aumento di scippi e rapine – dichiara il Questore Errico – La Questura di Salerno si è spesa sia in attività di prevenzione che di repressione dei reati grazie al lavoro della Squadra Mobile e del reparto dei Falchi, che è stato implementato”.

Il Questore ha poi sottolineato l’attività di disciplina degli immigrati svolta dalla Polizia di Stato sull’intero territorio salernitano: “quest’anno sono sbarcati 5.450 migranti al Porto di Salerno, per un totale di 7 sbarchi e abbiamo dato loro la possibilità di chiedere asilo politico e perseguito gli stranieri segnalati.”

A fine conferenza stampa è stato presentato il Calendario 2018 della Polizia di Stato, composto da 12 fotografie scattate da poliziotti durante l’attività operativa ordinaria. Anche quest’anno il calendario è stato realizzato in collaborazione con Unicef

“Il Dipartimento della Pubblica Sicurezza da anni collabora con l’Unicef per aiutare i bambini di tutto il Mondo – conclude Errico- anche la Polizia di Stato ha voluto dare il proprio contributo”.

– Rosanna Raimondo –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano