Due anni e 8 mesi è la pena richiesta dal pubblico ministero presso il Tribunale di Lagonegro per tre insegnanti della Scuola Primaria di Caselle in Pittari accusate di presunti maltrattamenti e abuso dei mezzi di correzione nei confronti di alcuni alunni. Si tratta di Ines Stella, Rina Lovisi e Rosetta Fiscina; per Anna Torre è stata invece chiesta l’assoluzione.

Alcune delle mamme presentarono, all’epoca dei fatti, una denuncia dopo aver notato comportamenti anomali dei loro figli e uno stato di terrore in cui sembrava vivessero. Nel 2014 la Procura di Lagonegro ha chiuso le indagini su Rina Lovisi e Rosa Fiscina, ma in seguito furono indagate anche Anna Torre (alla prima udienza dibattimentale l’accusa venne riformulata in abuso dei mezzi di correzione) e Ines Stella.

Minori e genitori sono stati ascoltati in tribunale, oltre a due carabinieri della Stazione di Sanza in merito ai filmati delle telecamere nascoste che dimostrerebbero l’abuso dei mezzi di correzione.

Ieri il pm Lerose ha chiesto la condanna a 2 anni e 8 mesi di reclusione per tre delle insegnanti. La prossima udienza si terrà ad ottobre con gli interventi della parte civile e della difesa.

  • Articolo correlato:

21/2/2019 – Processo maestre di Caselle in Pittari. Concluse le testimonianze dei genitori dei bambini coinvolti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano