Un altare del ‘700 rubato da una cappella privata del Casertano è stato ritrovato e sequestrato dai Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Sala Consilina coadiuvati dalla Stazione di Polla.

L’altare faceva parte di una cappella nobiliare di Curti e il proprietario, violando una disposizione specifica della legge sui beni culturali, lo ha sradicato portandolo nel Vallo di Diano e successivamente lo ha lasciato in conto vendita ad un antiquario di Polla.

In seguito ad una segnalazione da parte dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, i militari dell’Arma della Compagnia valdianese sono riusciti a trovare il pregiato pezzo di antiquariato che varrebbe diverse centinaia di migliaia di euro.

L’antiquario è stato dunque denunciato per ricettazione.

– Chiara Di Miele –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*