Non sembra arrestarsi l’ondata di incendi che sta colpendo Salerno e il territorio di tutta la provincia. La maggior parte dei roghi, purtroppo, è di natura dolosa e non effetto delle temperature seppure roventi degli ultimi giorni.

I danni ambientali, paesaggistici e alla biodiversità causati da tali follie dureranno per anni, senza contare che con l’arrivo delle prime piogge torrenziali, il pericolo di valanghe e caduta massi nelle zone interessate dalle fiamme sarà maggiore, mettendo in serio rischio la vita dei residenti nelle zone limitrofe e la corretta viabilità.

Dalla stampa apprendiamo – afferma Marchetti, vice segretario nazionale del Codaconsche è stata denunciata una persona per il reato di incendio boschivo e, laddove dovessero essere accertate le responsabilità, chiederemo alla Procura di procedere per una richiesta di rinvio a giudizio per disastro ambientale”.

Chi decide di incendiare una vasta area boschiva e compromette irrimediabilmente per anni ed anni la flora e la fauna di quel luogo è giusto – conclude Marchetti – che venga condannato al massimo della pena prevista per disastro ambientale e chiederemo a tutte le Procure di procedere in tal senso per il reato di disastro ambientale per cui esistono in Campania già dei precedenti”.

Il Codacons ha avviato un’iniziativa in favore dei cittadini coinvolti nei roghi che hanno interessato la zona. Attraverso il modulo pubblicato all’indirizzo codacons.it/emergenza-incendi-partecipa-allazione-risarcitoria/ possono ora chiedere fino a 10mila euro ciascuno a titolo di indennizzo.

L’associazione torna a chiedere conto, inoltre, di quanto fatto dagli enti locali per impedire che roghi di tale estensione si verificassero. La Legge quadro in materia di incendi boschivi n. 353 del 2000 obbliga infatti gli enti locali a istituire, dopo l’approvazione di un apposito piano regionale, il catasto dei terreni volto ad individuare i soprassuoli già percorsi dal fuoco nell’ultimo quinquennio, avvalendosi anche dei rilievi effettuati dal Corpo forestale dello Stato. Il catasto è aggiornato annualmente. L’elenco dei soprassuoli deve essere esposto per 30 giorni all’albo pretorio comunale per eventuali osservazioni. Decorso tale termine, i Comuni valutano le osservazioni presentate ed approvano, entro i successivi 60 giorni, gli elenchi definitivi e le relative perimetrazioni.

Vogliamo sapere se la Regione Campania abbia adempiuto agli obblighi previsti dalla legge e quanti procedimenti abbia avviato sul fronte dei fondi incolti per obbligare i proprietari a provvedere alla pulizia dei terreni e prevenire incendi. Se emergeranno omissioni e negligenze, il Presidente della Regione Campania sarà denunciato per omissione di atti d’ufficio, concorso in disastro colposo e concussione e chiederemo il sequestro dei beni personali onde risarcire la collettività danneggiata e l’ambiente compromesso” conclude il Codacons.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.