Lo sciame sismico che sta interessando il Centro Italia ha spinto a riflettere non solo sulla fragilità dei territori, ma anche sulla capacità di rispondere a eventi tragici come quelli del terremoto. Dal Vallo di Diano una risposta incisiva arriva dal Presidente della Comunità Montana, Raffaele Accetta che definisce il nostro territorio all’avanguardia nel settore della Protezione Civile.” 

“Abbiamo scelto di gestire questa funzione in forma associata – prosegue Accetta – con il vantaggio di aver ottenuto ingenti finanziamenti dalla Regione Campania. Il Vallo di Diano ha avuto un contributo di 340.000 euro, il più alto finanziamento in regione in questo settore e gli interventi riguardano l’adeguamento dei Piani di Protezione Civile per i 15 comuni e la fornitura di equipaggiamenti, mezzi, attrezzi, tende e arredi per le sedi della Protezione Civile.”

“Tra qualche giorno consegneremo a tutti i comuni la segnaletica – conclude Accetta – che riporta indicazioni sulle vie di fuga e sui centri di raccolta.”

Anche in merito ai piani di evacuazione il Presidente Raffaele Accetta tende a rimarcare la grande operosità del territorio ricordando che “con il progetto SAVE abbiamo fatto prove di evacuazione in quattro Istituti d’Istruzione Superiore del Vallo di Diano.

“La cosa più importante che mi preme sottolineare – conclude – è la gestione associata della Protezione Civile che abbiamo attivato con tutti i comuni, che ci consentirà di garantire un coordinamento tra tutti i COC (i Centri Operativi Comunali) e di offrire, in caso di necessità, una buona assistenza.” 

– Tania Tamburro – 


 

 

4 Commenti

  1. Tonino B. says:

    Che siamo in una zona ad altissimo rischio è arcinoto a tutti, che la Protezione Civile del Vallo di Diano sia all’avanguardia è tutto da vedere, noi speriamo e preghiamo il Signore di non averne mai bisogno.

  2. Non c’è nessun riparo sicuro quando si manifesta un terremoto! Figuriamoci un piano di evacuazione… in quel momento si pensa a scappare in una parte aperta e senza fabbricati circostanti.

  3. ah, beh, allora siamo a posto!

  4. cittadina says:

    Aaaaaaa che paura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.