Lo Sporting Sala Consilina, anche lontano dal Palazingaro, offre spettacolo e reti a iosa e vede con largo anticipo sulla conclusione della regular season lo striscione dell’arrivo con la scritta promozione in serie B.

Ad ospitare la truppa cara al co-presidente Giuseppe Detta è stato il PalaDirceu di Eboli. Contro i quotati sanniti del Five Soccer Benevento, i ragazzi di Foletto, privi dello squalificato Bellaver, hanno messo in mostra un futsal di prim’ordine tanto da tramortire la pur quotata compagine avversaria che ha cercato di tener il passo solo per un tempo. Poi le giocate spettacolari offerte dalla squadra salese hanno finito per far cadere la strenua resistenza sannita.

Dopo meno di due minuti è toccato a Trezza aprire i giochi poi il solito Zago ha raddoppiato e sul 2-0 si è chiusa la prima frazione. Nella ripresa il Benevento ha provato a mettere in difficoltà lo Sporting Sala Consilina, che ha rischiato di subire la rete ma la traversa ha salvato Gallon. Poi con la marcatura di Vavà, che ha siglato il 3-0, i sanniti sono usciti di scena e dapprima Imparato (per lui una doppietta), poi Michelon (alla sua prima rete con la casacca salese) e D’Alto hanno completato il settebello di reti, con cui il Benevento è tornato a casa. Per la cronaca, a 22 secondi dalla conclusione, Ascione ha reso meno pesante il passivo siglando quella che una volta si chiamava rete della bandiera, per il 7-1.

Ora per lo Sporting Sala Consilina fervono i preparativi e si attende il gran ritorno al Palazingaro per dare inizio alla grande festa per la promozione.

Una stagione fantastica che premia il lavoro dei dirigenti e di una squadra di veri professionisti – ha commentato il direttore sportivo Daniele Campanelli – che hanno fatto divertire i tanti tifosi sempre presenti al fianco dello Sporting Sala Consilina. Ora cominciamo a pensare alla fase nazionale della Coppa Italia, altro obiettivo che abbiamo messo nel mirino”.

– Redazione Sportiva –

Scrivi un commento. Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamatori e razzisti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*