4 thoughts on “Partorisce all’ospedale di Sapri alla 41esima settimana ma la neonata è morta. 7 indagati

  1. Il problema è solo capire se e quanto fosse seguita la gestante. Io ho fatto due figli: 41+5 e 41+2: sanissimi e di parto naturale. Seguita, però, dai medici ginecologi del SS. Annunziata di Taranto. Ah, dimenticavo, ho fatto il primo figlio a 40 anni…

  2. Vicenda dolorosa che purtroppo non rappresenta un caso isolato. Sarebbe opportuno conoscere anche se la donna aveva effettuato le vaccinazioni raccomandate in gravidanza.

  3. Di bambini morti ce ne sono anche prima della 38 settimana di tratta di MORTE ENDOUTERINA PURTROPPO!!! i protocolli prevedono se le ecografie vanno bene e i tracciati cardiotocografici pure che si aspetta fino alla 41 più 3 giorni per indurre il parto!

  4. perchè farla partorire alla 41esima? So che basta aver superato la 36esima che il bambino è pronto per nascere. oppure la 38esima come in caso di cesareo. Anche un caso di portarla alla 41esima, ma che si risolve per miracolo, successe anni fa. Una partoriente, alla 40esima inoltrata, non stava bene ma il primario non voleva ancora farla partorire (per la mentalità della 41esima). Il marito della donna disse che, se in giornata non avrebbero fatto il cesareo alla moglie, l’avrebbe portata in un altro ospedale.I medici lo fecero. Il bambino era cianotico e restò una settimana in incubatrice. A questo punto dico: cambiate questa mentalità ossessiva della 41esima o anche della 42esima (come ho sentito parlare). Il cesareo, circa 20 anni fa, si faceva alla 38esima e tutti i bambini non nascevano nè cianotici o persino morti. I tracciati li fecero fare per la sofferenza fetale?

Comments are closed.